BREAKING NEWS
Giovedì, 21 Settembre 2017
ZONA AD ECONOMIA SPECIALE A TARANTO. DeLorenzo (M5S): La Regione escluda le industrie inquinanti dagli incentivi

Top Stories

Matta e Parella fanno i figli belli

Editoriali di Vincenzo Carriero

Chi si aspettava parole gravide di coraggio, impegni concreti sul futuro, questa mattina da Mattarella, ha sbagliato Paese prim’ancora che città. Non ce ne voglia il capo dello Stato. L’istantanea che più preferiamo tra quelle scattate questa mattina, riguarda i bambini festanti della Pirandello. Il nostro bonus per il futuro sono loro

La risata sarcastica di Antonio Rizzo in una Taranto senza cultura

Editoriali di Vincenzo Carriero

Soltanto il capoluogo jonico non ha avuto una rassegna estiva quest'anno. Continuiamo ad essere la cttà delle confraternite, dei circoli chiusi che al concetto di bellezza preferiscono quello di status quo. L'uno vale uno, questa prassi posticcia della modernità, ci sta relegando in una terra di nessuno

Cosi appare ogni giorno il Pronto soccorso dell'Ospedale Moscati: vuoto, freddo, abbandonato. Emiliano e Rossi sono come il Cacao Meravigliao. Ti rechi in bottega per acquistarlo e scopri che non esiste. La finzione pubblicitaria che si è fatta gioco della realtà

Mercato galleggiante

Editoriali di Vincenzo Carriero

Basta lamentarsi! A Taranto il turismo è cresciuto, la città è pulita, il Mar Piccolo è stato bonificato. Abbiamo fatto nostro il motto pasoliniano di un "progresso felice" e duraturo. Cosa andiamo cercando ancora? Ditelo agli amici di Prodi, quelli della rivista "il Mulino", che la prossima volta si parli anche di noi nelle loro dotte disquisizioni accademiche

Provate a rivolgervi al Pronto soccorso dell'Ospedale Santissima Annunziata e capirete come il Terzo Mondo abiti già le nostre città. La brillante lezione di Alain Deneault, con la sua mediocrazia

Nuovo direttore generale al Comune di Taranto: in ascesa le quotazioni di Claudio Stefanazzi

Editoriali di Vincenzo Carriero

Il capoluogo jonico sempre più una colonia di Emiliano. Sarà il suo attuale capo di gabinetto ad affiancare Melucci nella gestione della città? I tarantini aspettano senza oppore resistenza, è la loro natura. Impazziscono di gioia semplicemente se si prospetta loro un ruolo di comprimari

Melucci, facci sognare

Editoriali di Vincenzo Carriero

Melucci che succede a Stefàno è un'istantanea senza suggestioni. Più che novità vere, è il nuovismo a contraddistinguere l'inizio di questa legislatura: una modernità di facciata, già molto vetusta. Lonoce eletto presidente del Consiglio comunale, Cannone sarà il suo vice. Taranto spera, anche se non ci crede molto

L'Opa di Emiliano su Taranto

Editoriali di Vincenzo Carriero

Vergogna! Il governatore, con la sua visita nei giorni scorsi all'Ospedale Moscati, ha offeso l'intelligenze - e la dignità - dei tarantini. Peccato che tutti abbiano applaudito a "Sua larghezza" senza colpo ferire. Maleodoranti e prezzolati come solo i codazzi, a qualsiasi latitudine del globo, sanno essere

Il Governo Gentiloni ritira la legge sullo "Ius Soli", il diritto di ricevere la cittadinanza italiana per chi è nato nel nostro Paese. La sinistra perde un'altra delle sue battaglie politiche e culturali. Kelsen si rivolterebbe nella tomba

Spoil system in salsa jonica

Editoriali di Vincenzo Carriero

Avrà letto Max Weber il nuovo sindaco di Taranto? Prima della nuova giunta, c'è da sistemare la macchina amministrativa a Palazzo di città. E' da lì che passa l'esercizio del potere effettivo. Sinistra istituzionale, chiesa locale e una finta borghesia molto consortile sembrerebbero aver trovato la quadratura del cerchio

Melucci vince. O forse perde meglio

Editoriali di Vincenzo Carriero

Non puoi decidere di puntare sulla signora Baldassari e pensare – anche lontanamente - di spuntarla nella corsa che conduce a Palazzo di Città. La direttrice del carcere non c’entra assolutamente nulla con una certa idea d’impegno pubblico. Disastrosa nella comunicazione, patetica nella ricerca ossessiva di una verginità civica in perenne conflitto con la politica dei partiti, completamente digiuna di argomenti e competenze che tenessero conto della complessità che attraversa Taranto. Il nuovo sindaco è un perdente di successo. Quando la partecipazione al voto supera di poco il 30% degli aventi diritto, quando sette tarantini su 10 disertano le urne, lo iato tra deleganti e delegati mina alla base, erode dal di dentro le regole sul funzionamento della democrazia rappresentativa

La Taranto che verrà non ha segreti e tentennamenti. E’ un plastico pronto a trasformarsi in una plastica facciale. Vince la Baldassari? Vince Melucci? Chiunque dovesse spuntarla tra una settimana, sarà un perdente di successo, eletto con il 15, 20% degli aventi diritto. Governi di minoranza tra e con il popolo prima che nelle aule elettive