BREAKING NEWS
Domenica, 28 Maggio 2017
CANOA POLO. Si conclude oggi presso la Sezione L.N.I. di Taranto il campionato maschile di A1

La politica fatta con lo chante clair

Politica
Typography

Tamburrano risponde al sindaco di Massafra, Quarto. "Viene chiesto alla Provincia di sospendere l'iter autorizzativo per il raddoppio del termovalorizzatore quando lui, e la sua maggioranza, hanno già approvato una delibera per le opere di urbanizzazione primarie nella stessa area..."

C’è una nuova categoria della politica: l’azione smacchiante dello chante clair. I suoi protagonisti sono gli smacchiatori incalliti. “I moralisti d’accatto” a sentir parlare il presidente della Provincia, Martino Tamburrano. “Gli stessi – continua l’esponente di Forza Italia (o Forza Taranto?) – che attribuiscono al sottoscritto la volontà di caldeggiare il raddoppio del termovalorizzatore a Massafra”.
Nei giorni scorsi è intervenuta una sentenza del Consiglio di Stato, con la quale si stabilisce che quel raddoppio è legittimo e s’ha da fare. Per il sindaco di Massafra, Quarto, “le sentenze vanno sì rispettate ma, comunque, vista l’importanza dell’argomento andrebbe compiuta una riflessione ulteriore”. Incominciando, per esempio, “con il sospendere l’iter autorizzativo rilasciato dalla Provincia allo stesso impianto…”. Una soluzione, questa, che Tamburrano considera nient’altro che una “sortita populista”. Furono altri a dare quell'autorizzazione. Chi? “La giunta Florido, per esempio, con l’assenso dei Mazzarano, dei Liviano e dei Borraccino. Gli smacchiatori di una presunta superiorità etica”. Ci risiamo con lo chante clair.
Tamburrano punta i suoi avversari politici, con l’intenzione d’infilzarli uno ad uno. “Quarto non ha mai partecipato ad una Conferenza dei servizi sull’argomento relativo al raddoppio del termovalorizzatore e, adesso, si ricorda di parlare. Spiegasse piuttosto ai massafresi il perché ha approvato una delibera con la quale si autorizzano le opere di urbanizzazione primarie e secondarie nei pressi dell'area dove insiste la società proprietaria dell’impianto. Nei fatti, è il sindaco Quarto e la sua maggioranza a volere dar seguito alla sentenza del Consiglio di Stato emessa nei giorni scorsi…”.
Vallo a spiegare a mia mamma, abituale consumatrice dello chante clair, che smacchiare equivale a pontificare. Che la politologia è entrata in casa, che forma di stato e forma di governo vanno ricercati tra un fornello e una piastrella sporchi di grasso.

WhatsApp Share