21
Mer, Nov

PugliaPromozione, Liviano: “Fare chiarezza sulle attività dell’agenzia"

PugliaPromozione, Liviano: “Fare chiarezza sulle attività dell’agenzia di promozione turistica”

Politica

Gianni Liviano, consigliere regionale del Gruppo Misto invia un’interrogazione alla Regione e all’Anac per indagare sulle attività di PugliaPromozione. “Perché - chiede Liviano – l’agenzia ha fatto un uso diffuso dell’istituto dell’affidamento diretto anche per importi superiori ai 40 mila euro?”

"Perché PugliaPromozione ha fatto un uso diffuso dell'istituto dell'affidamento diretto anche per importi superiori ai 40mila euro? E quali sono le ragioni per le quali risultano ancora aperte procedure del 2017 oltre che del 2018 e quali le ragioni per cui spesso non sono indicati i nomi delle società aggiudicatarie dei bandi?".

Sono solo alcuni dei quesiti alla base dell'interrogazione che il consigliere regionale del Gruppo Misto, Gianni Liviano, ha indirizzato al presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, e per conoscenza al presidente della Giunta regionale, Michele Emiliano, nonché al responsabile dell'Anac.

Questa volta è l'attività di PugliaPromozione, agenzia regionale per la promozione turistica, a finire sotto la lente di ingrandimento del consigliere Liviano. Un'interrogazione molto dettagliata in merito all’attività dell’agenzia che punta a fare chiarezza su diversi punti. Alcune società, si legge tra le evidenze dell’interrogazione, risultano essere svariate volte beneficiare di affidamenti diretti e che risultano essere destinatari di fondi anche associazioni datoriali.  “Al di là della dimensione etica dell'intera vicenda che segnalo nella mia interrogazione - spiega Liviano -, il ricorso agli affidamenti sotto soglia significa che, così, si sta accontentando un po' tutti e che, quindi, alla base non c'è un vero progetto nè una programmazione degna di tal nome”.