19
Dom, Mag

Sforati valori diossina Masseria Carmine, Fornaro: “Cancellati 10 anni di battaglie”

Sforati valori di diossina Masseria Carmine, Fornaro: “Cancellati 10 anni di battaglie”

Politica

Il deposimetro di Arpa Puglia restituisce valori allarmanti circa l’incremento degli inquinanti “nell’ex zona rossa”, l'area a ridosso della masseria di proprietà del consigliere comunale tarantino 

Fino al 200 % in più di polveri sottili, benzene e idrogeno solforato. Arpa Puglia ha lanciato l’allarme circa l’impennata dei valori di inquinanti nel territorio tarantino. In particolare, come restituito da Tg Norba in un servizio a cura di Francesco Lato, compromessa sarebbe "l’ex zona rossa", nei pressi della Masseria Carmine di proprietà di Vincenzo Fornaro, attuale consigliere comunale tarantino, a ridosso del siderurgico, da cui partì l’indagine della procura tarantina con i sigilli scattati nel 2012. Dai rilievi dei dispositivi della zona infatti sembra che i livelli di diossina abbiano oltrepassato la soglia consentita. I valori, secondo i primi accertamenti sarebbero paragonabili agli sforamenti del 2009 che condussero all’abbattimento di centinaia di capi di bestiame.

“Apprendo con stupore (…) che sono stati rilevati valori di diossina equiparabili a quelli di 10 anni fa. – ha commentato Vincenzo Fornaro - Questi dati dovrebbero pervenire dal deposimetro posizionato nel 2008 dall'Arpa sul tetto della nostra azienda. Qualora la notizia si rivelasse vera sarebbe di una gravità inaudita, sarebbero stati cancellati come con un colpo di spugna 10 anni di battaglie. Mi chiedo cosa succederebbe oggi se avessimo portato nuovi animali a pascolare su quei terreni, - aggiunge il consigliere - avremmo forse subito una nuova mattanza, ma soprattutto mi chiedo come si possa affermare di aver risolto il problema Ilva se continuano a venir fuori dati così inquietanti. Ricordo che in quell'azienda ci vivo tuttora con la mia famiglia e la notizia di oggi mi lascia perplesso e preoccupato. Nelle prossime ore farò tutti gli atti consequenziali per approfondire la vicenda”.