05
Mer, Ago

Esce Nevoli. Entra Corvace

Esce Nevoli. Entra Corvace

Politica

Entra in Consiglio comunale dopo le dimissioni di Francesco Nevoli, e spiega le ragioni del suo allontanamento dal Movimento Cinque Stelle e della sua adesione al gruppo misto

Rita Corvace apre il suo discorso di insediamento nel Consiglio comunale di Taranto ringraziando il “Comitato dei cittadini e lavoratori liberi e pensanti, da cui ho dato le dimissioni già la scorsa estate, per avermi consentito di svolgere in tutti questi anni il mio percorso di cittadinanza attiva”. Si sofferma sul significato del fare politica, “fare il bene della polis”, e su Taranto: “è la città nella quale vivo e nella quale mi sono ammalata di cancro causato, come affermano i medici, dall’inquinamento industriale ed è per questo che ho voluto impegnarmi per migliorarla”. Da un lato sottolinea i pesanti dati presenti nello studio SENTIERI dell'Istituto Superiore di Sanità, dall'altro “lla mancanza pressoché totale di macchinari all'avanguardia e dispositivi per la cura di un malato oncologico”, mancanza che, dice, non può essere colmata “dalla grande capacità e competenza dei nostri medici oncologici”
Un'osservazione amara inoltre sul movimento di Beppe Grillo; “Ho creduto che, per continuare nel mio impegno a servizio della mia città, la strada giusta fosse quella di utilizzare lo strumento messo a disposizione del Movimento Cinque Stelle ma, il tradimento che il Movimento ha compiuto nei confronti non solo della città di Taranto, promettendo la chiusura programmata delle fonti inquinanti e la riconversione economica, ma anche di tutto il Sud, alleandosi con la Lega, mi costringe ad uscire dal Movimento che non rappresenta più le istanze dei cittadini. Non posso far parte di un partito che appoggia un governo razzista e xenofobo, che condanna la diversità in nome di un “prima gli italiani” che non ha nessun senso di esistere”.
Il neo consigliere Rita Corvace conclude garantendo il suo impegno ad essere al servizio di tutta la cittadinanza e di svolgere con responsabilità un'opposizione costruttiva e produttiva per il bene dell'intera comunità tarantina, aderendo al gruppo misto.