11
Mar, Ago

Nuovo ospedale “San Cataldo”, Borraccino: “Nessun rischio di bloccare il cantiere”

Nuovo ospedale “San Cataldo”, Borraccino: “Nessun rischio di bloccare il cantiere”

Politica

In merito alle recenti indiscrezioni che vorrebbero il prossimo nosocomio jonico sorgere su un’area inquinata parla l’assessore allo Sviluppo economico della Regione: “La struttura verrà costruita a distanza di un chilometro da quel sito, ogni preoccupazione è ingiustificata”

 “Le recenti indiscrezioni a mezzo stampa circa il possibile blocco delle operazioni finalizzate all'apertura del cantiere per la realizzazione del nuovo Ospedale di Taranto, in quanto lo stesso insisterebbe su un'area inquinata, rischiano solo di ingenerare confusione e allarmismo”. E’ l’assessore allo Sviluppo economico Mino Borraccino a dichiarare che in realtà “non esiste alcun rischio” che ciò si verifichi.  

Secondo l’assessore la questione sarebbe stata chiarita dallo stesso Commissario Straordinario per la Bonifica di Taranto, Vera Corbelli “nominata dal Governo centrale e non certo dalla Regione Puglia” che avrebbe garantito che il nuovo nosocomio “non sorgerà sulle aree inquinate di Salina Grande, ma ad una significativa distanza di circa 1 chilometro da quel sito, pertanto ogni preoccupazione appare ingiustificata”.

“Ovviamente l'argomento è di una tale importanza e delicatezza che siamo i primi a pretendere la massima attenzione e cautela in tutte le procedure amministrative, per tutelare la salute dei cittadini tarantini e per evitare di incorrere in errori che potrebbero pregiudicare il regolare completamento dell'opera, - precisa Borraccino - ma, viste le rassicurazioni pervenute in queste ore dal Commissario Straordinario per la Bonifica e dalla stessa ASL di Taranto, non capiamo, anche dopo le dichiarazioni della dott.ssa Corbelli, il motivo per sollevare polveroni che rischiano solo di rallentare la realizzazione di un progetto, quello del nuovo "San Cataldo", largamente atteso dalla città e da tutta la provincia jonica”.

Un ospedale che “rappresenterà una vera e propria eccellenza in ambito sanitario, con un progetto completamente finanziato del valore di più di 200milioni di euro per 715 posti letto”.

“Invitalia, l'Agenzia incaricata di svolgere le procedure relative alla gara d'appalto per l'affidamento dei lavori, ha già completato la valutazione delle offerte e pubblicato la graduatoria provvisoria delle imprese che hanno risposto al bando, essendo ora impegnata nelle necessarie verifiche sulla proposta risultata prima, come richiede la normativa vigente in materia di contratti pubblici. – spiega l’assessore - Tutto procede regolarmente per il raggiungimento di un obiettivo di strategica importanza per il territorio jonico, al fine di garantire il diritto alla salute e standard sempre più elevati nei servizi sanitari resi in favore dei cittadini di Taranto e di tutta la provincia”.

Da qui Borraccino chiede massima attenzione verso “ogni aspetto del progetto, a cominciare dalle tematiche ambientali”. “Non esiste alcun motivo - conclude - per ostacolare la realizzazione di un'opera così importante per il territorio”.