17
Lun, Giu

Emiliano indagato per violazione della legge Severino

Emiliano indagato per violazione della legge Severino

Politica

Nuovi guai giudiziari per il governatore pugliese. La nomina dell'ex sindaco di Bisceglie nel Consiglio di amministrazione di InnovaPuglia, Francesco Spina, al vaglio degli inquirenti

Abuso d'ufficio e violazione della legge Severino, in relazione alla nomina come consigliere nella società pubblica InnovaPuglia dell'ex sindaco di Bisceglie Francesco Spina. Questi i reati contestati al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. La Procura ha notificato, nella tarda mattinata di quest’oggi, un avviso di proroga delle indagini. Oltre al governatore sarebbero indagati lo stesso Spina e un dirigente della Regione: Nicola Lopane. L'inchiesta è condotta dal pm Chiara Giordano. Spina, già sindaco di Bisceglie fino ad agosto del 2017, in base alla legge Severino non avrebbe potuto ricevere incarichi prima di due anni. Invece, la nomina nel consiglio di InnovaPuglia è avvenuta a fine luglio 2017. L’ex sindaco, inoltre, sarebbe indagato anche per falso in quanto, al momento dell'accettazione dell'incarico, avrebbe firmato una dichiarazione in cui attestava di non trovarsi in situazioni di conflitto di interessi. Serafiche le dichiarazioni rese alla stampa da Emiliano, subito dopo aver appreso la notizia: “E’ tutto sotto controllo, sono tranquillo”. Per le opposizioni, invece, fermo restando il principio garantista e la presunzione d’innocenza, “Emiliano, con la sua condotta, atta a rastrellare voti in ogni dove, qualche rischio con l’applicazione della legge se lo prende…”.