15
Ven, Nov

Perrini su ArcelorMittal: “Continui incidenti nello stabilimento”

Perrini su ArcelorMittal: “Ancora incidenti”

Politica

Il consigliere regionale DiT interviene sulla questione: “Ma è conciliabile mettere in sicurezza l’azienda con la produzione?”

“Trovo normale che AcelorMittal, per garantire la continuità produttiva, possa utilizzare altri moli per lo scarico dei minerali dalle navi visto che quello dove si è verificato il tragico incidente, che è costato la vita a Cosimo Massaro, è sotto sequestro. Quello che non posso sopportare è, invece, il verificarsi di continui incidenti che sembrano minori solo perché non producono vittime”. Questo il commento del consigliere regionale Direzione Italia Renato Perrini che sulla questione aggiunge: “Due in soli 24 ore - ieri la rottura di una condotta di catrame che si è bucata sversando il contenuto sul terreno e questa mattina l'esplosione nel reparto Gestione Rottami Ferrosi. In entrambi i casi quali ripercussioni ci sono state nell'ambiente? - chiede - Il catrame nel terreno e quindi nella falda e la rottura della cappa di aspirazione quali agenti inquinanti ha emesso nell'atmosfera? Magari non ci sono vittime oggi, ma potrebbero esserci in futuro. La produzione è conciliabile con una seria manutenzione e messa in sicurezza dell'azienda? E' questo il problema che dovrebbe costringere Acelor Mittal a fare una scelta che per una volta tanto premi la salute e non solo il lavoro. – conclude Perrini - Il siderurgico deve essere sicuro sotto il profilo della salute, ma anche lavorativo. Il resto sono polemiche inutili e strumentali".