22
Mer, Gen

Pablito, sulle liste d'attesa vuoi dirci la verità

Politica

L'onorevole Vico attacca il direttore generale dell'Asl jonica: "Perchè non spendi i 70 milioni in dotazione al servizio sanitario? Con quei soldi si potrebbero acquistare i macchinari per effettuare Tac e Risonanze magnetiche?". La strana circostanza per la quale in Puglia, a fronte di 31 ospedali pubblici, ve ne siano altrettanti in mano ai privati

Liste d’attesa interminabile, all’Asl di Taranto. Si può aspettare anche più di un anno per un esame specialistico, qualora si dovesse propendere per il servizio pubblico. Con il privato invece – o attraverso la bizzarra formula dell’intramoenia – al massimo una decina di giorni. E’ la sanità pugliese, bellezza! Quella targata Big Michele, l’ideatore di Con: non la preposizione, ma la nuova lista civica che raccoglie destra, centro e sinistra tutti appassionatamente insieme… Quella che direttori sanitari alla Stefano Rossi (ma non doveva andar via…?) avallano con i loro comportamenti. Una sanità da Terzo Mondo, da Paese centroafricano. Altro che Europa, Occidente e altre amenità del genere. L’ex onorevole Pd, Ludovico Vico, passa in rassegna uno dei tanti problemi irrisolti: “Ci sono 70 milioni nelle disponibilità del nostro servizio sanitario. Perché Rossi non utilizza queste risorse finanziarie per acquistare macchinari nuovi e tecnologici? Penso, per esempio, all’apparecchiatura per effettuare Tac e Risonanze magnetiche”. Già, perché Pablito non lo fai?  Perché ti ostini a dire che non esiste un problema di liste di attesa oscene quando, invece, le cose stanno esattamente in questo modo? La sanità pugliese in mano ai privati? Forse. Può darsi. Tra l’altro c’è un dato che in molti non conoscono, o fanno finta di omettere, parecchio interessante: in Puglia ci sono 31 ospedali pubblici a fronte di 31 ospedali privati. Che equilibrio, vero? Che perfetta simmetria. Tanto a me e tanto a te. Fare le cose giuste non significa privatizzare. Significa, semplicemente, fare le cose giuste. Vero, Emiliano?