15
Ven, Nov

Clima, D’Amato (M5S): “Dal carbone al gas con i fondi Ue, Bruxelles chiarisca”

Clima, D’Amato (M5S): “Dal carbone al gas con i fondi Ue, Bruxelles chiarisca”

Politica

L’eurodeputata tarantina invita l’Ue ad esprimersi sulla questione: “L’addio al carbone in Italia è fissato per il 2025, si rischia un rallentamento delle bonifiche dei siti”

Da Bruxelles chiarimenti in merito alla dismissione del carbone. Questa la richiesta dell’eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Rosa D’Amato, che ha presentato una interrogazione alla Commissione europea. “L'addio al carbone in Italia è stato fissato al 2025. E questo addio riguarderà da vicino alcuni impianti, tra cui quello Cerano (Brindisi). – spiega D’Amato  - L'Enel ha dichiarato che sostituirà il carbone con un mix di rinnovabili e impianti a gas. L'azienda A2A ha già presentato un simile progetto di conversione per Brindisi Nord. In generale, questa conversione a gas di impianti a carbone centralizzati sarà sostenuta economicamente dall'Ue attraverso il Pacchetto Energia Pulita. E diverse associazioni ambientaliste denunciano che stiamo assistendo di fatto a un passaggio da una fonte fossile ad un'altra, con conseguente rallentamento delle bonifiche dei siti”.

A tal fine l’eurodeputata tarantina chiede l’intervento della Commissione Ue perché ne chiarisca le modalità. “Innanzitutto, l'installazione di centrali a gas in siti inquinanti rischi di rallentare e vanificare le bonifiche. – chiede -  In secondo luogo, se sarà propedeutica a ogni autorizzazione una Valutazione dell'Impatto Sanitario”. E infine, ho chiesto di spiegare se il finanziamento di conversione delle grosse centrali a carbone rientri o meno tra gli obiettivi del Pacchetto Energia Pulita”.