18
Lun, Nov

Sbarco migranti, a Taranto una delegazione della Lega

credit Ansa

Politica

Un gruppo di parlamentari della Lega è giunta nel capoluogo jonico in occasione dello sbarco, avvenuto quest’oggi, dei 176 migranti tra cui numerosi minori a bordo della Ocean Viking. “Siamo qui per esprimere il nostro dissenso - spiegano - perché questo è un ritorno al passato senza regole”. Da monsignor Santoro nel frattempo un invito alla solidarietà: "Auspico che il dovere civico e morale dell'accoglienza spazzi via la tentazione alla polemica pretestuosa"

“Siamo qui come parlamentari della Lega per esprimere democraticamente il nostro dissenso verso quello che noi abbiamo definito un ritorno al passato. Un passato fatto di immigrazione senza regole, di sbarchi di gente di cui non conosciamo nulla. I veri profughi sono nostri fratelli, siamo disposti ad accoglierli a braccia aperte ma cosi a naso mi pare di capire che le persone che stanno scendendo da quella scaletta non otterranno lo status di rifugiato”. Così si esprime in una video intervista rilasciata all'Ansa, un parlamentare della Lega qui a Taranto assieme ad una delegazione, in occasione dello sbarco dei 176 migranti giunti quest'oggi a bordo della Ocean Viking. “Ci chiediamo – prosegue  - dove verranno ricollocati? A Taranto? A Bari? A Napoli? A Roma? Chi sono e cosa faranno durante la loro permanenza qui? Le pagine che voi giornalisti avete scritto negli ultimi anni ci parlano di un detenuto su tre extracomunitario, di bellissime storie di accoglienza, di integrazione ma purtroppo anche di tanti e tanti crimini compiuti da questi signori. Mi auguro non da quelli che stanno scendendo da questa barca. Taranto non chiede ulteriori problemi rispetto a quelli che già ci sono”.    

Nel frattempo ieri da monsignor Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto giunge un invito alla solidarietà: “Auspico che il dovere civico e morale dell'accoglienza spazzi via la tentazione della polemica pretestuosa. Taranto ha già dato in passato prova della sua grande generosità, si renda ancora una volta disponibile a questa transitoria ospitalità. – spiega Santoro - Mi raggiunge a Roma, dove sono per il Sinodo sull'Amazzonia, la notizia - spiega l'arcivescovo - dell'arrivo a Taranto della Ocean Viking con il suo carico di umanità dolente. È vivo ancora il lutto per il recente naufragio che ha visto la stessa nave impegnata con la Marina Militare nella ricerca delle vittime, la gran parte non sono state restituite dal mare: oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte”.