Breaking news
Sabato, 22 Luglio 2017
CROCIERE A TARANTO. Lunedì il quarto approdo della Thomson Spirit 

Principali articoli

Z&B, il nervosismo sgretola le loro certezze in minacce

Calci da Pro

Nella gestione Zelatore e Bongiovanni esiste soltanto la prima squadra. Non esiste azienda calcio. Non è mai esistito un progetto tecnico. Lo sta a dimostrare il ricambio vorticoso delle risorse umane. Alle dipendenze del duo sono transitati calciatori, tecnici, collaboratori, addetti (più o meno qualificati) in quantità industriale. Un numero da guinness dei primati. Tutti “fenomeni”, all’atto della loro presentazione. Il tempo ha poi dimostrato che, nella maggior parte dei casi, non erano neppure idonei per calpestare l’erba dello Iacovone

Pugni tra i due mari

Boxe

Boxe: la Quero-Chiloiro vince la sfida con la prima società d’Italia. Il XVI Trofeo “Città di Taranto” va all’elite Francesco Magrì

Fabrizio Brignolo, da vent'anni a capo del progetto "Nuova Taras", arriva alla corta del Diavolo rossonero. Il sodalizio jonico, invece, non si è mai accorto di lui

Dominio Gym Oriens agli Internazionali di Martano

Taekwondo

Il Taekwondo tarantino vero mattatore in terra salentina, il team del maestro Carriero consegue tre ori, due argenti e sei bronzi. Il segreto dei nostri successi? "Vogliamo sempre imporre la nostra idea di disciplina sportiva; un’idea che coniughi, al tempo stesso, la bellezza del gesto tecnico e il rispetto per l’avversario”

Fa incetta di medaglie la Gym Oriens Statte, nel Terzo Internazionale di Taekwondo – Città di Martano disputato lo scorso fine settimana nel comune salentino. I ragazzi allenati dal maestro Saverio Carriero – non è novità, ormai – portano i colori tarantini ad essere indiscussi protagonisti della rassegna in terra leccese. Ricco il carnet di medaglie, alla fine: tre ori, due argenti e ben 6 bronzi. “Sono molto contento per i ragazzi”, ha tenuto a sottolineare il tecnico jonico. “Siamo un gruppo coeso che lavora duramente tutto l’anno. Questi risultati non sono fortuiti, rappresentano il giusto coronamento di tanto impegno e dedizione verso questa disciplina orientale”.  
Medaglie d’oro sono risultate: Adriana Laddomada, seniores, cintura bianche -verde,-67kg (la vittoria è arrivata in finale per KO); Antonia Burgi, junior, cintura blu-rossa,-59kg, (in finale si afferma per KO tecnico con il punteggio di 24 a 4); Giovanni Barulli, cadetto,  cintura rossa-nera, -61kg (si aggiudica il primo combattimento contro un’atleta greco per 16 a 12, vince la semifinale per 14 a 7 e la finale per 9 a 5).
A conseguire il secondo piazzamento, con la medaglia d’argento strappata ai rispettivi avversari, invece: Simone Pignatale, cadetto, cintura rossa-nera, -57kg (vince il primo combattimento per 6 a 5, la semifinale per  20 a 3, perde in finale per 11 a 4); Sharol Moschetti, cadetto A, cintura verde-blu, +59kg (perde la finale per soli 2 punti di distacco).
Terzo gradino del podio per: Andrea Moscagiuri, esordiente A, cintura bianca-gialla, -37kg, (vince i quarti di finale e perde in semifinale); Angelo Fischetti, cadetto a, cintura rossa-nera,-53kg (perde la semifinale); Domenico Pisano, seniores, cintura blu-rosse, -87kg (si ferma in semifinale per soli tre punti di distacco); Gabriele Caracciolo, cadetto B, cintura bianca-gialla, -30kg, (vince i quarti e perde la gara di semifinale); Michele Pulito, cadetto A, cintura verde-blu, -49kg (vince i quarti di finale 21-6 e perde la semifinale); Sonia La Barbera, Esordiente A, cintura bianca-gialla, -30kg, (ferma la sua rincorsa in semifinale). Davide Fischetti e Urso Francesco non arrivano al podio pur combattendo gare molto intense e dall’alto valore tecnico.
“Il prossimo appuntamento con le gare agonistiche – conclude il tecnico stattese – sarà in Toscana. Subito dopo la pausa ferragostana riprenderemo gli allenamenti per non farci trovare impreparati anche in quella occasione. Vogliamo sempre imporre la nostra idea di Taekwondo, un’idea che coniughi al tempo stesso la bellezza del gesto tecnico e il rispetto per l’avversario”.

WhatsApp Share

Ripescaggio Taranto. I perchè del no

Calcio

Limitandoci alla Serie C è stato fissato in 300 mila euro l’importo del tanto famigerato e vituperato fondo perduto. All’eventuale domanda dovrebbe essere anche allegata una fidejussione, a prima richiesta, rilasciata da Istituto bancario che figuri nell’Albo tenuto dalla Banca D’Italia o da compagnia assicurativa iscritta nel relativo albo Ivass (l’Organo di vigilanza sulle compagnie di assicurazione) ed autorizzata all’esercizio del ramo 15, dell’importo di euro 200 mila. Non possono accedere alla procedura sopra indicata le Società che ne hanno usufruito negli ultimi cinque anni. Come quelle che hanno cambiato denominazione negli ultimi tre campionati disputati

Povero Taranto, come ti stanno riducendo

Calci da Pro

La domanda più ricorrente riguarda la Fondazione Taras 706 a.C. Dove sono stati sino al 27 maggio scorso? Il club, secondo loro, era in regola con tutti i pagamenti. La massa debitoria era contenuta. Il Taranto rappresentava un modello di gestione. Resta il fatto che il primo allarme, dopo anni di “fragoroso” silenzio, è stato lanciato soltanto nello scorso 17 maggio. Guarda caso, all’indomani della rottura dei rapporti tra Bongiovanni, Zelatore ed i rappresentanti dei supporters trust

Ripescaggio Taranto. I perchè del no

Calcio

Limitandoci alla Serie C è stato fissato in 300 mila euro l’importo del tanto famigerato e vituperato fondo perduto. All’eventuale domanda dovrebbe essere anche allegata una fidejussione, a prima richiesta, rilasciata da Istituto bancario che figuri nell’Albo tenuto dalla Banca D’Italia o da compagnia assicurativa iscritta nel relativo albo Ivass (l’Organo di vigilanza sulle compagnie di assicurazione) ed autorizzata all’esercizio del ramo 15, dell’importo di euro 200 mila. Non possono accedere alla procedura sopra indicata le Società che ne hanno usufruito negli ultimi cinque anni. Come quelle che hanno cambiato denominazione negli ultimi tre campionati disputati

Inizia la nuova stagione sportiva del Taranto calcio. Zelatore e Bongiovanni sapranno riportare l'entusiasmo in una piazza delusa - e mortificata - dal deludente campionato dello scorso anno?

Saliamo in serie D

Calcio

Il Taranto retrocede dalla Lega Pro: la matematica condanna, definitivamente, i rossoblù che tornano ufficialmente nel calcio dilettantistico. La squadra di Ciullo cade davanti ad uno “Iacovone” gremito da soli 500 spettatori contro la Vibonese: 2-1 il risultato finale in favore dei calabresi. Non serve a nulla la rete di Viola nel recupero dopo i due gol realizzati da Sowe e Bubas

MEDIA PARTNER

Calcio

Lo scempio del pallone rossoblù è direttamente proporzionale, tra le altre voci, all’accondiscendenza, alla complicità e in definitiva alla (storica) ’qualità’ della sua stampa. Come chiunque può capire, non è un caso

Ciao ciao Lega Pro...

Calcio

Il Taranto ad un passo dalla Serie D: la sconfitta rimediata allo stadio “Arturo Valerio” contro il Melfi dei mister Destino-Diana complica, ancora di più, il cammino dei rossoblù. I pugliesi, adesso, sono chiamati a vincere le sfide contro Vibonese e Juve Stabia per sperare in un vero e proprio miracolo: il ritorno ai dilettanti non è mai stato così vicino

CALCIO PAGANO

Calcio

La squadra di calcio è metafora della città, estensione plastica di ciò che siamo e contiamo in generale: poco meno di niente. Si è tornati tra i professionisti soltanto sulla carta; tutto il resto, invece, è rimasto nei dilettanti. Il Taranto è ultimo. Peggio stanno soltanto gli opportunisti rimasti in silenzio, in tutto questo tempo, pur di entrare gratis allo stadio la domenica

Z&B, il nervosismo sgretola le loro certezze in minacce

Calci da Pro

Nella gestione Zelatore e Bongiovanni esiste soltanto la prima squadra. Non esiste azienda calcio. Non è mai esistito un progetto tecnico. Lo sta a dimostrare il ricambio vorticoso delle risorse umane. Alle dipendenze del duo sono transitati calciatori, tecnici, collaboratori, addetti (più o meno qualificati) in quantità industriale. Un numero da guinness dei primati. Tutti “fenomeni”, all’atto della loro presentazione. Il tempo ha poi dimostrato che, nella maggior parte dei casi, non erano neppure idonei per calpestare l’erba dello Iacovone

Povero Taranto, come ti stanno riducendo

Calci da Pro

La domanda più ricorrente riguarda la Fondazione Taras 706 a.C. Dove sono stati sino al 27 maggio scorso? Il club, secondo loro, era in regola con tutti i pagamenti. La massa debitoria era contenuta. Il Taranto rappresentava un modello di gestione. Resta il fatto che il primo allarme, dopo anni di “fragoroso” silenzio, è stato lanciato soltanto nello scorso 17 maggio. Guarda caso, all’indomani della rottura dei rapporti tra Bongiovanni, Zelatore ed i rappresentanti dei supporters trust

Il solito Bongiovanni, dichiara: "…allora sapessero che questa società non è costituita da ebeti, questa società è costituita da persone che hanno le palle nel cervello”. Se lo dice lui

Il procuratore di calciatori? Meglio tenerselo amico...

Calci da Pro

Il potere economico degli agenti di calciatori, con il passare degli anni, è diventato inestimabile. Il tempo, i modi e l’apertura di nuovi mercati gli hanno anche offerto la gestione di un mercato parallelo che è quello del marketing. Le pubblicità regala ai top-player guadagni e visibilità  notevoli in grande crescita

Il calcio del futuro...a Taranto rimarrà un sogno?

Calci da Pro

Il calcio in riva allo Jonio sente la necessità di una ristrutturazione totale. Rendere lo Iacovone la casa dei cittadini, dei tifosi, di tutti gli ospiti. Non si tratta soltanto di  rendere nuovamente agibili le tribune. Di dotare il campo B del manto sintetico. L’area sulla quale insiste lo stadio va “rigenerata”. Ricostruita. Rimodulata. Sede, foresteria, museo del calcio, ristorante, marketing, negozi, parcheggi, rappresentano soltanto alcuni esempi di un processo di adeguamento. Ai tempi ed alle necessità. Tutte le aree disponibili vanno utilizzate a sostegno di un sistema produttivo. Lo Iacovone come il salotto della città, dove passare una giornata

Elisabetta Zelatore vende...il 2%

Calci da Pro

Il duo che si è prepotentemente insediato ai vertici del calcio tarantino non finisce mai di stupire. Regalano, entrambi, stupende chicche comportamentali, in quantità industriale. Quest’ultima supera però tutte le altre. Non era mai capitato di sentire che i debiti di una società di calcio hanno un costo. Che per accollarseli bisogna pagare

La Pu.Ma Taranto presenta domanda di ripescaggio in B

Basket

Il Cus Jonico non lascia nulla di intentato, il gm Roberto Conversano: “Avevamo promesso che avremmo fatto tutto il possibile e lo stiamo facendo. Ora aspettiamo e vediamo…”

Il Cus Jonico lascia il PalaMazzola

Basket

Alla scadenza della concessione provvisoria il presidente Cosenza ha formalmente rimesso le chiavi nelle mani del nuovo sindaco Melucci: “Abbiamo fatto grandi cose, vedremo ora…”

La verità di Putignano

Basket

L’allenatore del Cus Jonico torna sulla sconfitta nei playout: “Condannati dagli episodi. L’entusiasmo e il pubblico di gara 2 il ricordo più bello”

PU.MA. Trading Taranto prepara i playout

Basket

L’assistant coach del Cus Jonico guarda già alla sfida con Giulianova: “Post season un torneo a parte, negli scontri diretti tutto può succedere. Ci faremo trovare pronti”

Santa Rita, sesta vittoria playoff

Basket

Dopo la vittoria a Rutigliano, domenica al Palafiom la squadra di basket tarantina incontrerà il Monopoli

Una sconfitta "indolore"

Basket

Il Cus Jonico resta in partita fino all’intervallo poi cede alle triple di Porto Sant’Elpidio. La sconfitta di Monteroni lascia i rossoblu pernultimi, decisiva l’ultima giornata sabato

Francesca Viola vince il “Mare Blu Ostuni”

Tennis

La vittoria del torneo nazionale giovanile rappresenta per la tennista pugliese under 12 il secondo titolo in tre mesi e uno score di 24 vittorie in 33 partite

Open "Città di Taranto" a Garzelli

Tennis

Il giocatore del CT Maglie si aggiudica la finale del Trofeo di tennis, disputata ieri

Presentato il 4° open tennis "Città di Taranto"

Tennis

Un torneo patrocinato dal Coni, dalla Federazione Italiana Tennis e dal Comune di Taranto, che si concluderà martedì 30 maggio.L’evento si completerà con due appuntamenti extra sportivi: per tutta la durata del torneo saranno esposti e messi in vendita I quadri dell’artista tarantino Fabio De Cuia. Il ricavato sarà devoluto all’Ant di Taranto. Venerdì 26, invece, alle 18 sarà presentato il libro “Uno –Storie d’amori e tradimenti tra miti e accadimenti” di Giuseppe Sferra, dedicato alla storia della città di Taranto

Andreina Pino vince il Torneo di terza categoria di tennis

Tennis

Al torneo del CT San Francesco De Geronimo di Grottaglie, la giovane di Tuglie trionfa su Alessia Terruli di Martina Franca. Per la Quarta categoria, nel derby tutto grottagliese, Sabrina Fanuli batte Graziana Sportelli. In evidenza la next generation

Conclusa la prima tappa del torneo Kinder

Tennis

A Grottaglie la prima tappa regionale del torneo nazionale di tennis Kinder.
In campo 154 juniores.
Il circolo San Francesco De Geronimo festeggia con il trionfo di Francesca Viola (uner 12)

Il ct san Francesco de Geronimo vince il trofeo invernale 4^ categoriaIl ct san Francesco de Geronimo vince il trofeo invernale 4^ categoria

Tennis

La squadra grottagliese trionfa a Trani, per la prima volta dopo 37 anni.
Per la categoria juniores, intanto, al via il trofeo kinder, che vedrà impegnati 154 giovani tennisti provenienti da tutta la Puglia

Dominio Gym Oriens agli Internazionali di Martano

Taekwondo

Il Taekwondo tarantino vero mattatore in terra salentina, il team del maestro Carriero consegue tre ori, due argenti e sei bronzi. Il segreto dei nostri successi? "Vogliamo sempre imporre la nostra idea di disciplina sportiva; un’idea che coniughi, al tempo stesso, la bellezza del gesto tecnico e il rispetto per l’avversario”

Fa incetta di medaglie la Gym Oriens Statte, nel Terzo Internazionale di Taekwondo – Città di Martano disputato lo scorso fine settimana nel comune salentino. I ragazzi allenati dal maestro Saverio Carriero – non è novità, ormai – portano i colori tarantini ad essere indiscussi protagonisti della rassegna in terra leccese. Ricco il carnet di medaglie, alla fine: tre ori, due argenti e ben 6 bronzi. “Sono molto contento per i ragazzi”, ha tenuto a sottolineare il tecnico jonico. “Siamo un gruppo coeso che lavora duramente tutto l’anno. Questi risultati non sono fortuiti, rappresentano il giusto coronamento di tanto impegno e dedizione verso questa disciplina orientale”.  
Medaglie d’oro sono risultate: Adriana Laddomada, seniores, cintura bianche -verde,-67kg (la vittoria è arrivata in finale per KO); Antonia Burgi, junior, cintura blu-rossa,-59kg, (in finale si afferma per KO tecnico con il punteggio di 24 a 4); Giovanni Barulli, cadetto,  cintura rossa-nera, -61kg (si aggiudica il primo combattimento contro un’atleta greco per 16 a 12, vince la semifinale per 14 a 7 e la finale per 9 a 5).
A conseguire il secondo piazzamento, con la medaglia d’argento strappata ai rispettivi avversari, invece: Simone Pignatale, cadetto, cintura rossa-nera, -57kg (vince il primo combattimento per 6 a 5, la semifinale per  20 a 3, perde in finale per 11 a 4); Sharol Moschetti, cadetto A, cintura verde-blu, +59kg (perde la finale per soli 2 punti di distacco).
Terzo gradino del podio per: Andrea Moscagiuri, esordiente A, cintura bianca-gialla, -37kg, (vince i quarti di finale e perde in semifinale); Angelo Fischetti, cadetto a, cintura rossa-nera,-53kg (perde la semifinale); Domenico Pisano, seniores, cintura blu-rosse, -87kg (si ferma in semifinale per soli tre punti di distacco); Gabriele Caracciolo, cadetto B, cintura bianca-gialla, -30kg, (vince i quarti e perde la gara di semifinale); Michele Pulito, cadetto A, cintura verde-blu, -49kg (vince i quarti di finale 21-6 e perde la semifinale); Sonia La Barbera, Esordiente A, cintura bianca-gialla, -30kg, (ferma la sua rincorsa in semifinale). Davide Fischetti e Urso Francesco non arrivano al podio pur combattendo gare molto intense e dall’alto valore tecnico.
“Il prossimo appuntamento con le gare agonistiche – conclude il tecnico stattese – sarà in Toscana. Subito dopo la pausa ferragostana riprenderemo gli allenamenti per non farci trovare impreparati anche in quella occasione. Vogliamo sempre imporre la nostra idea di Taekwondo, un’idea che coniughi al tempo stesso la bellezza del gesto tecnico e il rispetto per l’avversario”.

WhatsApp Share

Il Taekwondo stattese sul tetto d'Italia

Taekwondo

L'atleta allenata dal maestro Saverio Carriero, Antonia Burgi, conquista il tricolore nei campionati nazionali disputati a Bari. Un successo prestigioso, l'ennesimo conquistato dalla società giallo-verde Gym Oriens

Pioggia di medaglie per la Gym Oriens Statte

Taekwondo

Ben tre ori e due bronzi conseguiti nei Campionati Interregionali di Bari. Grande euforia nella società jonica. Il maestro federale, Carriero: "Non esiste competizione, ormai, dove i nostri atleti non vanno in medaglia..."

La scherma Taranto permane in A2

Scherma

Bory, Loiacono, Santilio, Venza: i "quattro moschettieri" del team ionico hanno regalato emozioni nell'ambito dei campionati italiani di spada, che si è tenuto lo scorso 6 maggio a Caorle

Club Scherma Taranto. Domenica da ricordare

Scherma

Obiettivi centrati nella prova di qualificazione valevole per la fase nazionale di Coppa Italia

Per gli appassionati della scherma non sarà certo facile dimenticare una domenica come quella appena trascorsa, che ha visto protagonisti ad alto livello gli atleti del Club Scherma Taranto, convocati dal tecnico Camilo Bory Barrientos, per rappresentare i colori jonici nella prova di qualificazione valevole per la fase nazionale di Coppa Italia che si svolgerà a Caorle il prossimo Maggio. Chiamati in pedana per conquistare uno dei pass per la nazionale sono stati per la Spada Maschile: Angelo Boccardi, Simone Falerno, Dario Grassi, Vincenzo Santilio e William Venza; la spada femminile era invece rappresentata da Eleonora Chiruzzi, Fabiola De Lorenzo, Camilla Di Gregorio, Maira Elefante, Ludovica Elefante, Myriam Lecito, Sarah Solito. Una nutrita compagine che con onore ha difeso i colori della Città di Taranto ottenendo soddisfazioni e confermando ancora una volta che in Puglia la Spada è un'eccellenza della provincia jonica. Ciò che rimarrà anche nella memoria è l'elevata percentuale di assalti che ha visto scontrarsi gli atleti tarantini in amarissimi derby fratricidi con la sicura convinzione che in altre circostanze si sarebbero raggiunti ancora più successi e qualificazioni. Iniziando dal resoconto della gara maschile certamente si apprezza la performance di ogni atleta del Club Scherma Taranto che ha saputo gestire abilmente la fase ai gironi con tecnica così da raggiungere tutti il tabellone di eliminazioni dirette. Ma, come già precisato, la sfortuna degli abbinamenti ha portato gli atleti jonici ad eliminarsi tra di loro fino alle semifinali conquistate da Vincenzo Santilio contro Pietro Rinaldi (Lame Azzurre Brindisi ) e da William Venza contro Federico Rodia (Lame Azzurre Brindisi) in sfide esaltanti che hanno visto i due portacolori tarantini conquistarsi l'ambitissima pedana della finale. Una finale ovviamente disputata all'insegna dell'amicizia e del rispetto reciproco al cui termine ha visto vincitore Vincenzo Santilio in ottima forma per 15/11.
Quindi chiusura ancora con un derby ma che ha regalato comunque gioia ai sostenitori jonici perché confermava nuovamente l'assoluto dominio della scherma tarantina, merito ovviamente del grande impegno profuso da ogni atleta, ma soprattutto dalla indiscussa capacità magistrale del Tecnico Bory. Altre soddisfazioni, per quel che riguarda la spada femminile, con l'ottima performance di Eleonora Chiruzzi, la cui escalation di vittorie di oggi è stata fermata solo in semifinale da Claudia Bagnato (Club Scherma Bari) ma si porta a casa un ottimo bronzo, e con la conquista della qualificazione per Myriam Lecito. Bilancio più che positivo dunque per il Club Scherma Taranto che ormai è divenuta una realtà sportiva solida e di successo proiettata sugli ultimi impegni agonistici di fine stagione con ambiziosi obiettivi.

Nuova vittoria per la Scherma Taranto

Scherma

Eleonora Chiruzzi va a bersaglio: bronzo a Siena nella VI prova del trofeo del sabato di spada

Medaglia di Bronzo per Loiacono agli Assoluti di Pesaro

Scherma

Ancora soddisfazioni e successi sportivi per il Club Scherma Taranto. "Questo risultato infonde in tutti noi – dichiara la Presidente Antonella Putignano – tanta positività ed energia a continuare su questo percorso che ha portato i suoi frutti e che rappresenta il giusto premio per il grande impegno che tutti gli atleti profondono negli allenamenti"

Podio per il Club Scherma Taranto

Scherma

Bronzo G.P.G. per Alessandra Fumarola e 3° posto alla Crystal Cup per Mattia Loiacono e Camilla Di Gregorio

Pugni tra i due mari

Boxe

Boxe: la Quero-Chiloiro vince la sfida con la prima società d’Italia. Il XVI Trofeo “Città di Taranto” va all’elite Francesco Magrì

Sfida azzurra

Boxe

Parte a Sava il primo trofeo "San Giovanni". Rossetti dovrà vedersela con il bolognese, Tozzi

Un tarantino veste l'Azzurro

Boxe

Boxe: Rossetti a Nancy per Francia – Italia. E’ tra i 12 convocati della Nazionale giovanile dal tecnico Coletta

UNO-DUE

Boxe

La Quero-Chiloiro Taranto a testa alta nel confronto con la storica boxe Parma

Fuga per la vittoria

Boxe

Boxe: poker vincente della Quero-Chiloiro. Taranto negli eventi di Matera e Marzabotto

Boxe, al via il "Trofeo dell'amicizia"

Boxe

La città di Brindisi capitale per due giorni del pugilato italiano. Sul ring 10 gare che promettono spettacolo. Tra i protagonisti gli atleti della società tarantina: Quero-Chiloiro

cirgom statte
Antonucci Automobili
Lippolis
Neolux
Ottica Galeone