Sconfitta di rigore

Calcio
Typography

Il Taranto cade alla prima uscita ufficiale. Cozza deve fare a meno dei tre squalificati Miale, D’Aiello e Scoppetta e la soluzione Corso abbassato sulla linea di difesa toglie molto agli abituali cambi di rotta presenti nel DNA del mediano. Ci sarebbe piaciuto chiedere l’umore della squadra dopo l’uscita dalla Coppa Italia ma, come noto, gli unici interlocutori messi a disposizione della Stampa di certo non avrebbero potuto soddisfare la comune curiosità

Il Taranto fatica a trovare il bandolo della matassa nella partita che segna l’esordio ufficiale della stagione. Il Nardò dal canto suo azzera il ritardo di preparazione e si fa trovare pronto alla bisogna. Cozza deve fare a meno dei tre squalificati Miale, D’Aiello e Scoppetta e la soluzione Corso abbassato sulla linea di difesa toglie molto agli abituali cambi di rotta presenti nel DNA del mediano. D’altra parte il terreno di gioco non favorisce le trame di gioco dei 22 in campo per cui la partita si dipana per tutto il tempo su veloci capovolgimenti di fronte che alla fine vanno a determinare il pareggio a reti bianche e di conseguenza la lotteria dei calci di rigore. Passa il Nardò che avrà modo di confrontarsi con il Manfredonia soprattutto per mettere a punto schemi e atteggiamenti tattici che, come già dimostrato oggi, rappresenteranno in campionato il valore aggiunto portato in dote da Roberto Taurino a questo manipolo di giovani granata di casa.
Il Taranto statisticamente cade alla prima uscita ufficiale. Si dirà che l’obiettivo Coppa Italia è secondario, ma…perdere non ha mai fatto piacere ad alcuno. Ci sarebbe piaciuto chiedere l’umore della squadra dopo l’uscita dalla Coppa Italia ma, come noto, gli unici interlocutori messi a disposizione della Stampa di certo non avrebbero potuto soddisfare la comune curiosità.

LA CRONACA – PRIMO TEMPO
-3’ Il primo tiro in porta della gara è una punizione appena accennata da Crucitti, parata facilmente dall’ex Mirarco.
-10’ Savanarola conclude una lunga azione gestita da Aleksic ed Ancora; il suo tito è di molto impreciso.
-15’ Palmisano si invola sulla fascia destra e Cacciola non può fare altro che abbatterlo, guadagnandosi il giusto cartellino giallo. Sulla conseguente punizione Schiavino non sfrutta la ghiotta occasione, con un colpo di testa di poco alto sulla traversa.
-25’ Scontro fra titani tra Aleksic e Caporale che si toccano reciprocamente con la testa. Per fortuna entrambi si rialzano senza tanti patemi.
-28’ Balistreri coglie l’attimo buono e s’invola da solo verso Pellegrino ma Milizia riesce a recuperarlo ed evita il peggio per la sua squadra.
-30’ Sul primo corner della gara la palla da fermo calciata da Crucitti perde la coincidenza con la testa di Ancora e sul fronte opposto Balistreri impegna Pellagrino con una difficile parata a terra.
-33’ Pera ritiene di essere in offside e, solo davanti a Mirarco, non trova la giusta concentrazione.
-42’ Versienti supera in slalom tutta la difesa ed al momento del tiro si perde in un tiro facile preda del portiere ospite.
-44’ Mirarco estirpa la palla dai piedi di Pera, in area piccola e salva la sua porta.
-45’ Balisterri replica per i granata che sul cross dalla sua destra non riesce a concludere al meglio.
IL PRIMO TEMPO TERMINA 0-0

LA CRONACA – SECONDO TEMPO
-7’ IL tiro cross a sorpresa di Alessio Palmisano provoca la smanacciata di Pellegrino che si rifugia in calcio d’angolo.
-11’ Si ripete A. Palmisano ed il suo tiro è deviato in angolo da Corso. Sul successivo corner lo stesso ragazzo di Noci non è fortunato nella deviazione.
-17’ Bertacchi batte un corner sul quale Caporale non trova la traiettoria giusta.
-19’ Milizia ci prova dai 30 metri e Mirarco si salva a fatica.
-21’ Il tiro di De Pascalis deviato da Bilotta diventa un prezioso assist per Balistreri che non trova lo spunto vincente.
La partita si chiude sullo 0-0 finale e si passa ai calci di rigore.


NARDO’-TARANTO (0-0) 4-3 dcr

SEQUENZA RIGORI:
TARANTO: Savanarola SI, Tandara NO, Giovannini SI, Aleksic SI, Pera NO, Di Lollo NO
NARDO’: Schiavino SI, Caporale SI, Palmisano A. NO, Prinari NO. Balistreri SI, Palmisano G. SI.

NARDO’ (3-5-2): 1 Mirarco; 2 Cassano, 5 Schiavino, 3 Caporale; 6 De Pascalis (25’st 13 Mangione), 7 Palmisano A.,  10 Bertacchi (40’st 18 Prinari), 8 Bolognese,  4 Versienti (16’st 14 Gigante); 9 Balistreri, 11 Cavaliere (7’st 19 Palmisano G.).
N.e.: 12 Selva, 15 Trinchera, 16 Pirretti, 17 Greco.
All. Roberto Taurino.

TARANTO (4-3-3): 1 Pellegrino; 2 Milizia, 13 Bilotta, 4 Corso, 3 Cacciola (25’st 19 Pantò); 23 Savanarola, 15 Lorefice (22’st 20 Di Lollo), 8 Crucitti (14’ 18 Tandara); 11 Aleksic, 28 Pera, 10 Ancora (36’pt 7 Giovannini).
N.e.: 22 Spataro, 24 Rizzo, 27 Palumbo, 29 Pellegrini, 33 Giorgio.
All. Francesco Cozza.

AE: Giorgio Piacenza, Bari BA
A1: Dario D’Onofrio, Busto Arsizio VA
A2: Riccardo Pintaudi, Pesaro PU

NOTE: Nel ricordo delle vittime di Barcellona è stato rispettato 1’ di raccoglimento.
Spettatori circa 2000, in assenza del pubblico ospite, per decisione delle Autorità competenti.
Ammoniti: Savanarola TA, Cacciola TA, Bertacchi NA, Crucitti TA, Cassano NA, Corso TA, Pera TA.
Calci d’angolo: 4-4.
Recupero pt  1’; st 4’.

WhatsApp Share