Sulle alture del Galdean

Calcio
Typography

Presentato questa mattina il centrocampista ex Virtus Francavilla. Un ulteriore tassello nel già ricco mosaico messo a disposizione di mister Cozza

Tanto tuonò che…Galdean. Potrebbe essere questo il titolo della notizia di oggi. Marian Galdean, centrocampista d’ordine, rumeno di Bucarest, svincolato dalla Virtus Francavilla, rappresenta l’ultimo arrivo in casa Taranto. Il calciatore voluto a furor di popolo, non certo per dimostrate lacune tecniche in quel reparto, ma per una sorta di contagiosa infatuazione popolare, è stato presentato pochi minuti fa in conferenza Stampa dal direttore sportivo Luigi Volume che ha confessato che in effetti i contatti per portare il ragazzo in riva allo Jonio erano iniziati tre mesi fa e si sono concretizzati solo ieri quando Galdean, con l’ok del suo procuratore Romualdo Corvino, hanno valutato la super offerta rossoblù come degna di considerazione. Volume ha tenuto a ringraziare la proprietà pro-tempore per l’ulteriore carico di bilancio da sostenere al fine di offrire l’ennesimo calciatore di prima fascia nelle preziose mani di mister Cozza e del suo staff. Alla domanda su quali soluzioni tattiche potrebbero aprirsi con l’arrivo del centrocampista, Volume ha glissato con una battuta “da ultras” e quindi la gestione tecnica (o la patata bollente?!), di Marian che indosserà la maglia ufficiale n° 89, come il suo anno di nascita,  passerà all’allenatore che dovrà trovare la chimica giusta per far convivere, ad esempio, Corso e Galdean, togliendo dallo scacchiere base un over e spostando, probabilmente, un under sulla linea d’attacco. Oppure potrebbe sfruttare, magari senza continuità, un modulo 4-4-2, con i due mediani centrali adibiti a compiti rispettivamente di rottura e costruzione, con i due esterni di centrocampo più abili a fornire gli eventuali due attaccanti con un numero superiore di palle giocabili, specialmente a beneficio di Pera, che, con i suoi coinquilini di fascia attualmente non sembra riceverne a sufficienza, date le caratteristiche prettamente offensive degli attuali due esterni alti. Problemi tattici che avranno tutto il tempo tecnico di essere vagliati e risolti, complice benevolo il  fatto che Galdean non è prontissimo alla bisogna e fino a quando non sarà pronto al massimo delle sue potenzialità, un suo utilizzo discontinuo non farà gridare allo scandalo.
L’esperto centrocampista in fase di presentazione alla stampa ha mostrato la sua sincera emozione per essere approdato a Taranto in concomitanza con un progetto importante. Ha già svolto il primo allenamento con i suoi nuovi compagni, utilizzando la sua vecchia conoscenza con Cristiano Ancora che gli funge un po’ da Caronte in un gruppo di per sé spontaneamente accogliente. A domanda specifica sulla sua precedente esperienza nella Virtus Francavilla ha sorpreso tutti affermando che della sua Società di provenienza preferisce non parlare.
A scanso di equivoci, uno come Galdean è meglio averlo al Taranto che vestito dei colori di qualche concorrente alla vittoria finale, tanto inseguita, quanto necessaria ad un ambiente che, come faceva osservare Gabriele Caracciolo di InfoPoint Taranto, ha bisogno di segnali positivi per far decollare una campagna abbonamenti ferma fino a ieri a 650 abbonamenti e che subito dopo la buona novella giunta da Bucarest ha registrato più di 50 nuove tessere in poche ore. Se il trend crescerà nelle prossime ore la Società potrebbe procrastinare la campagna abbonamenti di qualche giorno rispetto alla già stabilità data del 31 agosto. Intanto da lunedi 28 agosto è aperta la prevendita dei singoli tagliandi per la prima gara di campionato, in programma il 3 settembre contro l’Aversa Normanna.

WhatsApp Share