Taranto, bene così

Calcio
Typography

Esordio bagnato dal successo per gli jonici. Arrivano i primi tre punti in uno Iacovone quasi deserto. Per gli aggiustamenti ci sarà tempo

Il Taranto bagna l’esordio in campionato con una vittoria che, sia pur facilmente preventivabile, prima di giocarla, all’atto pratico è risultata meritatissima sul piano tecnico e sofferta quanto è bastato per tenere alta l’attenzione di un pubblico che, pur non numeroso, ha gustato un piatto in agrodolce, comunque gradevolmente digerito. Per farla breve, intanto il Taranto ha vinto facendo a pieno il suo dovere. Per gli aggiustamenti ci sarà tempo, ma lavorando con i primi tre punti in tasca la mente è più libera e le gambe rispondono al meglio.
LA PARTITA – 1°tempo: L’antipasto lo serve Milizia che con un colpo di testa ravvicinato fa capire a Maiellaro che gli toccherà fare gli straordinari. Al 12’ Aleksic sfonda sulla sinistra e guadagna caparbio una punizione affidata senza esito a Savanarola. Al 20’ la combinazione rasoterra Pera-Aleksic si conclude con il tiro alto del serbo. Due minuti dopo è l’Aversa Normanna che spezza la continuità offensiva dei padroni di casa con Giordano che con un tiro improvviso quanto insidioso fa aprire le ali di Spataro costretto a salvarsi in corner. Niente male il gioiellino dei casertani, classe 2000, fisico esile ma tecnica e personalità da vendere. A lui lo sportivissimo pubblico tarantino tributa il meritato applauso finale, che raramente si concede agli avversari. Al 24’ l’Aversa potrebbe entrare in crisi per il doppio giallo con espulsione inflitta all’esperto Manzi, ma i granata ospiti restano ammirevolmente compatti e quasi passa l’idea che in dieci gli uomini di Caruso possano far meglio che a ranghi completi. Al 28’ c’è il doppio tentativo a rete di Pera, parato da Maiellaro e Aleksic, il cui tiro va a stamparsi sul palo. Al 39’ si rivedono gli ospiti con De Muto che su punizione impegna Spataro che devìa in angolo. Ma la partita prende la strada in discesa per il Taranto quando, al 47’ della prima frazione di gioco Savanarola mette in mezzo un pallone respinto dalla difesa che finisce pari pari sul collo piede di Crucitti che senza esitazioni di sorta batte per una e una sola volta in tutta la gara l’incolpevole portierone Maiellaro.
LA PARTITA – 2°tempo: Nella ripresa il taccuino si riempie quasi esclusivamente di sostituzioni, e bisogna attendere il 24’ per segnalare che l’Aversa resta in nove uomini per l’espulsione diretta di Moretta, che in gioco pericoloso abbatte Ancora in progressione. Al 33’ Savanarola sulla destra si spinge in area per prodursi in un tiro che finisce fuori dallo specchio della porta. Al 35’ il tiro sicuro di Pera è fermato dal portiere e si va verso la fine, non prima di far passare alle statistiche l’esordio in rossoblù di Marian Galdean, che Cozza inserisce nella posizione destra dei tre di centrocampo. Il suo biglietto da visita è il traversone millimetrico lasciato partire da trenta metri all’indirizzo di Ancora che accoglie l’invito e mette la sua firma sulla traversa, ma anche sui titoli di coda della prima puntata di un film che è appena cominciato ma dà già segnali di una bella e avvincente trama, a condizione che gli attori principali restino calciatori e allenatori, perché finora le comparsate della Società non hanno ottenuto molti applausi, ed una parte del pubblico oggi non ha perso occasione di ribadirlo a gran voce, con i cori dei presenti ed il silenzio degli assenti.

TARANTO-AVERSA NORMANNA 1-0
Rete: pt 47’ Crucitti TA.

TARANTO (4-3-3): 22 Spataro ‘99; 2 Milizia ’97, 6 Scoppetta, 5 D’Aiello, 3 Cacciola ’98; 29 Pellegrini ’98 (1’st 18 Tandara ’98), 4 Corso, 8 Crucitti (37’st 89 Galdean); 23 Savanarola, 28 Pera, 11 Aleksic (18’st 10 Ancora).
N.e.: 1 Pellegrino, 7 Giovannini, 13 Bilotta, 19 Pantò, 21 Miale, 33 Giorgio.

AVERSA NORMANNA (4-4-2): 1 Maiellaro; 2 De Muto ’97, 6 Manzi, 3 Pezzella, 5 Sozio ’98; 7 Giordano ’00 (46’st 19 Buono ’99), 4 Moretta’98, 8 Marzano (36’st 16 Palumbo), 10 Castaldi (29’st 17 Del Prete); 11 Guarracino (1’st 18 Gaetano), 9 Varriale.
N.e.: 12 Tessitore, 13 Marsicano, 14 Gala, 15 Ferrieri, 20 Topo.

AE: Andrea Bindella, Pesaro PU
A1: Amedeo Fine, Battipaglia SA
A2: Stefano Camillo, Salerno SA

NOTE: Spettatori 2000 circa, incasso non comunicato
Espulsi: Manzi AN, al 24’pt, per doppia ammonizione; Moretta AN, al 21’st, per gioco pericoloso; De Felice, preparatore atletico AN, per proteste, dalla panchina.
Ammoniti: Cacciola, Scoppetta TA; Pezzella, Manzi, Castaldi AN.
Calci d’angolo: 8-4.
Recupero: pt 2’, st 5’.

CAMPIONATO SERIE D Gir. H 1^giornata – RISULTATI

Cavese-Potenza 0-3
Francavilla in Sinni-Frattese 1-1
Fulgor Molfetta-Cerignola (rinviata)
Gragnano-Altamura 1-2
Gravina di Puglia-Pomigliano 1-0
Manfredonia-Turris 0-1
Nardò-Sarnese 1-2
Picerno-San Severo 1-0
Taranto-Aversa Normanna 1-0

LA CLASSIFICA: Potenza, Altamura, Gravina, Turris, Sarnese, Picerno, Taranto 3; Francavilla in Sinni, Frattese 1; Cavese, Gragnano, Pomigliano, Manfredonia, Nardò, San Severo, Aversa Normanna, Fulgor Molfetta*, Cerignola* 0. (*Fulgor Molfetta e Cerignola una partita in meno).

WhatsApp Share