Il Taranto impegnato nel derby di Altamura

Calcio
Typography

La trasferta in terra barese ha in sé tutti gli ingredienti che portano a comprendere di essere di fronte ad una partita scorbutica. L’intreccio con l’ex Gigi Panarelli, la voglia matta di una matricola che sull’impianto di Eccellenza già collaudatissimo ha innestato qualità in buona quantità, il voler dar seguito all’en plein della prima giornata, da parte di entrambe le contendenti

Francesco Cozza ed i suoi uomini in settimana hanno avuto modo di continuare in totale serenità il lavoro iniziato per tempo e che, numeri alla mano e Nardò in Coppa escluso, finora si è diligentemente trasformato in punti e certezze sulla visione tattica della squadra e sulla sua rendita in fatto di punti. La vittoria striminzita sull’Aversa Normanna può aver dato pensieri a qualche amante che “troppo vuole”, ma con il rischio che nel calcio si corre sempre, poiché è meglio non pensare alla possibilità che “nulla si possa stringere” alla fine dei giochi.
La trasferta di Altamura ha in sé tutti gli ingredienti che portano a comprendere di essere di fronte ad una partita scorbutica. L’intreccio con l’ex Gigi Panarelli, la voglia matta di una matricola che sull’impianto di Eccellenza già collaudatissimo ha innestato qualità in buona quantità, il voler dar seguito all’en plein della prima giornata, da parte di entrambe le contendenti. Aggiungiamoci l’etichetta di derby ed il tabù “D’Angelo” tutto a sfavore del Taranto nei precedenti e l’esordio ufficiale dei tifosi del Taranto in Campionato, assenti per scelta nelle gare casalinghe, per fare di Altamura-Taranto una partita ad altissima concentrazione adrenalinica.
In campo l’Altamura, senza l’esperto squalificato Simone D’Anna, potrebbe schierare un 4-4-2 con gli under sistemati in porta, Morelli 1999, sugli esterni bassi, Colaianni 1997 a destra e Casiello 1998 a sinistra e Morea 1998 come quarto di centrocampo a sinistra. La linea difensiva centrale sarà certamente composta dagli esperti Gambuzza e Dibenedetto, mentre a centrocampo Di Senso sarà come sempre a destra con Montemurro e Aliperta centrali. In attacco Figliolìa dovrebbe sostituire lo squalificato D’Anna al fianco di Santaniello, dando vita ad un duo d’attacco tutto di origini campane.
Di fronte Cozza avrà come sempre l’oneroso compito di scegliere gli under più in forma e più utili alla causa nella specifica tenzone. Se sarà confermato Spataro 1999 in porta, si libererebbe il posto per Milizia 1997 a destra dei difensori, con l’inamovibile Cacciola 1998 a sinistra. Il quarto under, rigorosamente 1998 potrebbe essere Palumbo a destra del centrocampo. Il canonico 4-3-3 sarebbe completato da Scoppetta e D’Aiello in difesa, Corso e Crucitti sulla mediana e Savanarola, Pera e Ancora in avanti. Solo ipotesi, naturalmente, ma in linea con la continuità che i due tecnici hanno il dovere di perseguire, in omaggio ai buoni risultati ottenuti nella “prima”.
CosmoPolisMedia sarà come di consueto allo stadio “Antonio D’Angelo” per seguire e raccontare in prima persona l’evento con servizi e foto dalle Murge. Chi vorrà seguire le vicende in TV potrà scegliere tra la diretta su Studio 100 TV e quella su Canale 85.
La partita Altamura-Taranto sarà diretta dall’arbitro Francesco Carrione di Castellammare di Stabia, con la collaborazione di Santo Zanfardino di Frattamaggiore ed Andrea Nasti, di Napoli.

IL PROGRAMMA DELLA 2^GIORNATA - Domenica 10 settembre 2017 ore 15:00:
Altamura-Taranto
Aversa Normanna-Fulgor Molfetta
Cerignola-Nardò (ore 16:30)
Frattese-Manfredonia (a Mugnano di Napoli)
Pomigliano-Picerno (ore 16:00)
Potenza-Gragnano
San Severo-Francavilla in Sinni
Sarnese-Gravina
Turris-Cavese

LA CLASSIFICA DOPO LA 1^GIORNATA:
Potenza, Altamura, Sarnese, Turris, Gravina, Picerno, Taranto 3; Frattese, Francavilla in Sinni 1; Aversa Normanna, Pomigliano, San Severo, Gragnano, Nardò, Manfredonia, Cavese, Cerignola*, Fulgor Molfetta* 0. *una partita in meno.

(nella foto di Giorgia Cannella l’allenatore dell’Altamura Luigi Panarelli, ex calciatore rossoblù e tarantino DOC)