BREAKING NEWS
Domenica, 22 Ottobre 2017
"Wind day. Libertà negate ai cittadini, un favore agli inquinatori". Domani dalle 10.30 alle 12.30 sit in di protesta, organizzato dai "Genitori Tarantini",  sotto la Prefettura

Mister Cozza esonerato, quasi fatta per Cazzarò

Calcio
Typography

Il cammino tra Coppa e Campionato ha frettolosamente distrutto tre mesi di lavoro ed annientato tutti i vantaggi di una partenza tecnica partita, una volta tanto, a tempo debito. Dovrebbe essere Michele Cazzarò l'allenatore scelto per farsi carico della panchina del Taranto e delle continue estemporanee fibrillazioni della dirigenza societaria che quasi certamente dovrà fare anche a meno della poco sfruttata lucidità e competenza di Roberto Damaschi. Indecifrabili al momento le scelte di e su Luigi Volume

La partita persa contro la Sarnese ha aperto la breccia alla rivoluzione tecnica. L’allenatore Cozza è fuori dal progetto ufficialmente esonerato, con buona pace del signor Damaschi che inutilmente ha cercato di riportare alla ragione la signora Zelatore, nel tentativo di salvare quasi tre mesi di lavoro che con l’allontanamento del tecnico calabrese vanno a farsi benedire. Soldi e tempo buttati al vento e vantaggio sulle altre squadre, annientato in una notte che di certo non ha portato consiglio. Alla resa dei conti la situazione appare questa: Cozza, Ortiz, Bonfatto, Damaschi fuori dai giochi. Dentro Cazzarò e Gian Mario Petrelli, fatto salire dalla juniores nazionale a curare i portieri, con Vincenzo Murianni e Francesco Rizzo confermati.  Resta solo da chiarire la posizione del DS Luigi Volume. Dovrà decidere se rompere il sodalizio con Damaschi e Cozza oppure seguirli per restare coerente e solidale con chi lo ha fortemente appoggiato (Damaschi) e chi proprio lui aveva scelto a guida del progetto tecnico (Cozza).  Il colloquio di queste ore con Michele Cazzarò chiarirà tutto, e intanto la gara contro il Cerignola incombe. La confusione regna sovrana e la programmazione a lungo termine resta un’illustre sconosciuta.