Il Taranto sta per passare a Giove

Calcio
Typography

Con un comunicato congiunto la signora Zelatore e l'ex presidente Giove hanno annunciato l'avvenuto accordo per il passaggio delle quote. Ora si dovrà attendere l'espletamento delle pratiche burocratiche

Con un comunicato del Taranto FC 1927, a firme congiunte dei signori Elisabetta Zelatore, Antonio Bongiovanni e Massimo Giove è stata diffusa la notizia dell’avvenuto accordo tra le parti interessate per il passaggio delle quote di maggioranza nella disponibilità di Massimo Giove, già presidente del Taranto dal 2000 al 2002. E’ evidente che si tratti della svolta che in molti si attendevano, dopo che la gestione attuale ha dovuto incassare il mancato gradimento della piazza. Cosa dovrebbe avvenire tecnicamente, perché si passi al vero e proprio passaggio di proprietà? Innanzitutto per statuto bisognerà superare lo step del diritto di prelazione che tutti gli attuali soci di minoranza possono esercitare in casi come questo. Gli stessi hanno trenta giorni di tempo per far valere i loro diritti oppure rinunciarci immediatamente, ufficializzando la loro scelta in anticipo davanti ad un notaio.

Questo passaggio metterebbe le parti interessate alle quote di maggioranza ad agire in tempi brevi, come in effetti, l’attuale situazione richiederebbe. Allo stato potrebbe anche configurarsi l’ipotesi che in un contesto di cordiale collaborazione, il neo presidente in pectore potrebbe già iniziare ad entrare in prima persona nelle scelte gestionali della società, anche senza avere ancora formalizzato il tutto dal punto di vista burocratico. Se la trattativa data per chiusa in senso positivo dovesse andare a buon fine, come pare possa accadere, sul pallone rossoblù starebbero per aprirsi scenari che da più parti si sono auspicati, di fronte ad una gestione delle ultime due stagioni agonistiche vissute sotto la pesante cappa della contestazione generale, frutto soprattutto di risultati sportivi scadenti e prese di posizione della proprietà piuttosto soggettive che quasi sempre non hanno trovato sponda nella tifoseria.

Non resta che monitorare i passaggi che si concretizzeranno nelle prossime ore e nei prossimi giorni, nell’interesse comune del calcio rossoblù, che dovrà giungere alla finestra di mercato che si aprirà il primo dicembre prossimo con al comando una gestione che abbia pieni poteri sul futuro del Taranto.