Breaking news
Domenica, 19 Novembre 2017
Santa Cecilia. ll Comune di Taranto e l’Istituto musicale “Giovanni Paisiello” presentano il concerto che si terrà nella sede del Dipartimento jonico

Il Taranto ci abitua alla vittoria

Calcio
Typography

Contro i generosi campani della Frattese i rossoblù conquistano la quinta vittoria di seguito. Gara gestita con intelligenza, consapevolezza e autostima. Va tutto per il verso giusto, tranne che il Potenza non molla

Giusto continuare a portare il conto delle vittorie consecutive del Taranto, che dopo la Frattese diventano 5, ma la partita di oggi certifica il rammarico di essere partiti a scartamento ridotto in campionato ed essere oggi costretti a vita a sperare nella debacle delle altre. Dal confronto impari ma pur sempre complicato contro i generosi campani si riparte per un’altra settimana all’insegna del lavoro in serenità, in vista della doppia trasferta prevista ora dal calendario. Le note stonate sulla società stanno passando in secondo piano, almeno la domenica ed il pubblico è ancora elemento restìo al grande ritorno sugli spalti.

LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO. Il Taranto inizia a macinare gioco e già al 5’ sul cross di Ancora il colpo di testa di Crucitti supera di poco la traversa. Seguono quasi 10’ di inutili schermaglie ed al 15’ Di Crosta fa prendere fiato ai suoi calciando senza convinzione verso Pellegrino. A seguire Miale va a saltare in area avversa con la palla che finisce alta. Paura per il Taranto al 18’ che perde palla in difesa e Signorelli non chiude la più facile delle occasioni-gol. Un minuto dopo sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Crucitti i rossoblù ci provano per tre volte consecutive ma la Frattese se la cava come può. Al 23’ cross preciso di Aleksic e pronta testata di Palumbo che avrebbe meritato più fortuna. Il tecnico ospite Peviani fa effettuare ai suoi movimenti a fisarmonica con una squadra abbassatissima e compatta in fase difensiva, pronta ad aprirsi attaccando la profondità in ripartenza, risultando, ponendosi come un dirimpettaio temibile, soprattutto per velocità d’esecuzione. Al 39’ per rompere la stasi Galdean prova uno dei suoi tiri dalla lunga distanza, andando a oltrepassare il palo alla destra di Pardo, che non se ne impensierisce. Stessa sorte poco generosa tocca al tiro di Ancora, al 42’, mentre Aleksic non riesce a spingere di testa in porta l’assist di Galdean. La prima frazione si chiude con il pari iniziale, nonostante il tentativo di D’Aiello su punizione precisa del solito Galdean.
LA CRONACA DEL SECONDO TEMPO. Parte benissimo il Taranto che dopo 1’30” va a segno con Palumbo, lesto ad inserirsi sul passaggio miracoloso di Aleksic. Tutto il secondo tempo vive una stasi di gioco quasi stucchevole. Solo al 34’ il nuovo entrato Diakite prova un tiro senza pretese che muore lontano dalla porta. Al 37’ Pera si guadagna un calcio di punizione per fallo su avversario lanciato a rete. Lo specialista Galdean, al 38’ punta dritto l’angolo destro a guardia di Pardo che tocca in volo ma non trattiene, decretando il raddoppio rossoblù. Due minuti dopo arrivano in tre in scivolata davanti al portiere ma nessuno di loro riesce a toccare in gol. In chiusura Diakite entra in area e si fa abbattere da Di Crosta. Rigore ineccepibile e gloria per Pera, bomber che si sta ritrovando, che fissa il risultato finale un attimo prima della fine.

TARANTO-FRATTESE 3-0
Reti: st 2’ Palumbo, 38’ Galdean, 53’ Pera rig..

TARANTO (4-3-1-2): 1 Pellegrino ’98; 13 Bilotta ’99, 21 Miale, 5 D’Aiello, 97 Li Gotti ’97 (49’st 2 Milizia ’97); 4 Corso (14’st 16 Rosanìa), 89 Galdean, 27 Palumbo ’98 (32’st 15 Lorefice ‘98); 8 Crucitti; 9 Aleksic (30’st 28 Pera), 10 Ancora (22’st 9 Diakite).
N.e.: 22 Spataro, 14 Rizzo, 32 Boccadamo, 33 Giorgio.
All. Michele Cazzarò.

FRATTESE (4-4-2): 1 Pardo ’97; 2 Paudice ’97 (12’st 14 Roghi), 4 Cassandro, 5 Bosco, 3 Di Crosta ’98; 7 Trofo, 6 Falivene ’99 (12’st 20 Musella ’99), 8 Tufano, 11 Odierna (31’st 17 Ammaturo ’97); 10 Signorelli, 9 De Crescenzo ’98 (43’st 15 Falcone) .
N.e.: 12 Capasso, 13 Della Monica, 16 Pezzullo, 18 Viola, 19 Romano.
All. Giuseppe Peviani.

AE: Fabiano Simone, Bologna BO.
A1: Alberto Colonna, Vasto CH.
A2: Andrea Marrollo, Vasto CH.

NOTE:
Ammoniti: Corso TA, Palumbo TA, Ancora TA, Trofo FR, Bosco FR, Miale TA.
Calci d’angolo: 3-4.
Recupero: pt 2’, st 8’

RISULTATI 11^ GIORNATA
Altamura-San Severo 3-0
Aversa Normanna-Pomigliano 2-2
Cavese-Nardò 3-0
Cerignola-Sarnese 4-1
Gragnano-Fulgor Molfetta 2-0
Manfredonia-Gravina di Puglia (non giocata)
Potenza-Francavilla in Sinni 5-0
Taranto-Frattese 3-0
Turris-Picerno 0-5

CLASSIFICA SERIE D GIRONE H DOPO L’11^ GIORNATA
Potenza 31
Cerignola, Altamura, Cavese 25
Taranto 21
Gravina di Puglia * 19
Picerno 18
Gragnano 14
Sarnese, Pomigliano 13
Nardò 10
Fulgor Molfetta, Frattese 9
Turris (-6) 8
Francavilla in Sinni 7
Aversa Normanna 6
Manfredonia* 5
San Severo 3
(*Gravina di Puglia e Manfredonia 1 gara in meno)

 

Nella foto di Giorgia Cannella il gol messo a segno da Vittorio Palumbo