Breaking news
Mercoledì, 17 Gennaio 2018
Furto in abitazione a Borgo Perrone. Colluttazione col proprietario; denunciato 42enne bulgaro

Potenza di 2

Calcio
Typography

I lucani "passano" allo Iacovone con il punteggio di 2-1. Adesso occorre cambiare la prospettiva del campionato. La società prepari la rinascità, con una programmazione intelligente

Il Taranto esce sconfitto nella gara contro il forte Potenza, proiettato a giusta ragione alla conquista della vittoria del campionato. Questo ha detto il campo, soprattutto nella prima parte di gara, quando gli uomini di Ragno, campione uscente del girone H della Serie D e avvezzo alla scalata delle classifiche, hanno maramaldeggiato sui rossoblù, a fronte di una qualità tecnica più accorsata. Il Potenza ha legittimato la vittoria finale almeno fino a quando l’espulsione di Bertolo non lo ha lasciato in inferiorità numerica e con una coppia di centrali difensivi prestati al campo dalla panchina. La voglia matta e la giusta ma disperata ricerca del Taranto nel recuperare almeno il pareggio, evidenziata negli ultimi minuti di gioco nulla toglie alla giustizia del risultato che è l’esatta conseguenza della differenza dei valori in campo. Per sopravvivere ed andare avanti in serenità il Taranto dalla prossima trasferta di Torre del Greco in avanti dovrà cambiare la prospettiva sul campionato. Un campionato dove oggi si è fermata la Cavese, ma Altamura, Potenza e Cerignola hanno raccolto i tre punti necessari a continuare la lotta al vertice. Il gradimento delle singole partite dei rossoblù sarà da valutare solo nella prospettiva di una crescita fisiologica lenta e continua che sia da prologo ad una stagione prossima con i bilanci a posto ed una struttura tecnica ed aziendale all’altezza di una squadra che possa legittimamente aspirare all’abbandono della  Serie D per altri campionati superiori. Perdere ancora tempo e soldi per quest’anno sarebbe esercizio inutile. E’ sempre la realtà ad avere il sopravvento sul cuore e sulla fantasia. Forse anche sulla presunzione.

TARANTO-POTENZA 1-2
Reti: pt 7’ Biancola PZ, 34’ Franca PZ; st 29’ Miale TA.

TARANTO (3-5-2): 1 Pellegrino ’98; 21 Miale, 16 Rosanìa, 5 D’Aiello (5’st 10 Ancora); 32 Boccadamo ‘99, 18 Marsili (44’st 18 Aleksic), 89 Galdean, 15 Lorefice ’98, 97 Li Gotti ’97; 9 Diakite, 94 Favetta.
N.e.: 22 Spataro, 3 Cacciola, 6 Giannotta, 13 Bilotta, 4 Corso, 92 Capua, 8 Crucitti.
All. Michele Cazzarò.

POTENZA (3-5-2): 1 Mazzoleni ’97; 2 Biancola ’98, 5 Sicignano (42’st 14 Ungaro), 6 Bertolo; 32 Guaita (22’st 7 Coccia), 23 Coppola, 4 Esposito, 21 Schisciano ’98 (35’st 60 Berardino), 3 Panico ’99; 11 Siclari (27’st 45 Russo ’98), 9 França (37’st 24 Di Senso).
N.e.: 12 Breda, 17 Guadalupi, 99 Manno, 10 Pepe.

AE: Mario Davide Arace, Lugo di Romagna RA.
A1: Fabrizio Giorgi, Legnano VA.
A2: Antonio Di Lauro, Frattamaggiore NA.

NOTE: Spettatori circa 2500: 852 abbonati, 1587 ticket botteghino, 392 ospiti.
Espulso: Bertolo PZ, al 25’st per doppia ammonizione.
Ammoniti: D’Aiello TA (5^, salterà la Turris); Bertolo PZ (3^), Panico PZ (2^).
Calci d’angolo: 9-2.
Recupero: pt 3’; st 6’.

RISULTATI DELLA 16^ GIORNATA E CLASSIFICA SERIE D GIRONE H
Cavese-Manfredonia 0-2
Francavilla in Sinni-Pomigliano
Fulgor Molfetta-Altamura 0-1
Gragnano-Turris 1-0
Gravina di Puglia-Cerignola
Nardò-Aversa Normanna 3-0
Picerno-Sarnese 0-1
San Severo-Frattese 2-0
Taranto-Potenza 1-2

CLASSIFICA

Altamura 40
Potenza 39
Cerignola 38
Cavese 37
Gravina, Taranto 26
Picerno 25
Nardò 23
Pomigliano 20
Gragnano, Sarnese 18
Francavilla in Sinni 14
Frattese, Turris 13
Manfredonia 12
San Severo 11
Aversa Normanna 10
Fulgor Molfetta 9