16
Mar, Ott

Giro di boa con vittoria

Giro di boa con vittoria

Calcio

La rosa concepita durante il calciomercato ha caratteristiche nuove. Da Torre del Greco si può lavorare per progettare la prossima stagione. Questa squadra, libera da problemi di classifica e con nuove risorse umane, può aprire un ciclo. Con un occhio alla tarantinità: verace o acquisita

Il Taranto chiude con una vittoria contro la Turris il girone d’andata, I gol dei due centrocampisti Lorefice e D’Agostino, divisi dal momentaneo pareggio dell’ex rossoblù Roghi,  assicurano i tre punti in palio alla squadra figlia appena partorita dal calciomercato rivoluzionario di dicembre. Torre del Greco restituisce una squadra più uniformata alla categoria. Un gruppo di calciatori che, probabilmente, hanno deciso di coagularsi in una  nuova entità vogliosa di far bene da qui alla fine, una volta scrollatisi di dosso tutti i pesi di un inizio stagione forse troppo infarcito di proclami e sogni sovradimensionati. Oggi in campo si è vista una squadra che non ha bandito tutti i suoi limiti, ma ha guadagnato in concretezza, cinismo, furbizia, cattiveria. Finanche buttando via il fioretto cercando di portare a casa il risultato gestendo in modo spudoratamente ostruzionistico le infinite sostituzioni negli interminabili minuti di recupero. Ha fatto impressione vedere la panchina dei corallini lamentarsi con il direttore di gara per le studiate perdite di tempo normalmente prerogativa esclusiva di alcune squadre campane. Per meglio comprendere quella che al primo sguardo sembrerebbe una svolta bisogna considerare alcuni nuovi aspetti che partono dai singoli. Il riferimento va soprattutto a D’Agostino che ha portato in dote ingredienti inediti nella ricetta di Cazzarò. Detto che il genovese in serie D è assoluto valore aggiunto, la sua presenza in campo è stata impreziosita di fattiva collaborazione a tutto campo, intelligenza tattica ed acuta gestione della propria posizione in campo. Un po’ tra le linee, un po’ allineato agli attaccanti, qualche volta ad alternarsi con Lorefice nell’attacco degli spazi. E poi il gran gol che ha completato un esordio da incorniciare. Anche i due attaccanti Diakite e Favetta ci hanno guadagnato, in attesa di comprendere se in futuro possono costituire una coppia d’attacco con D’Agostino a supporto  soprattutto nella partite casalinghe. Un altro aspetto da non sottacere è una continuata ricerca di una identità indigena che forse può dare più cuore ad un progetto ormai proiettato alla  prossima stagione. Dopo gli ultimi innesti ci piace elencare tutti gli uomini tarantini dell’area tecnica. Volume, Cazzarò, Murianni, Cataldi, Rizzo, il ritrovato Pizzaleo, reduce da un infortunio, Boccadamo, Miale, Gori, Marsili, Giannotta, Diakite. Tarantini veraci e acquisiti che sembra abbiano sposato la causa. Chissà che questa formula non sia quella giusta per ripartire. Basta navigare a vista e non ricadere nei soliti errori che riporterebbero a vecchi concetti: il blasone, la serie b, i calciatori da Taranto, il Taranto siamo noi, lo spacchiamo a tutti, non ne possiamo più  e bla bla bla………

TURRIS-TARANTO 1-2
Reti: pt 25’ Lorefice TA, 29’ Roghi TU; st 21’ D’Agostino TA.

TURRIS (4-3-3): 1 Testa ’98; 2 Esempio ’99, 5 Guastamacchia (42’st 18 Pontillo), 6 Caso, 3 Piacente ’97; 4 Visciano, 8 Romano, 11 Greco ’98 (31’st 17 Valentino ’98); 10 Roghi, 9 Liccardi (19’st 20 Guarracino), 7 Improta.
N.e.: 12 D’Inverno, 13 Caiazzo, 14 Paradisone, 15 Gazzaneo, 16 Follera, 19 Stoia.
All. Enzo Potenza.
TARANTO (4-3-1-2): 1 Pellegrino ’98; 13 Bilotta ’99, 21 Miale, 16 Rosanìa (20’st 5 D’Angelo), 97 Li Gotti ‘97; 15 Lorefice ’98 (46’st 3 Cacciola ’98); 89 Galdean, 18 Marsili; 8 D’Agostino (38 st 92 Capua); 9 Diakite (43’st 11 Gori), 10 Ancora (17’st 94 Favetta).
N.e.: 12 Pizzaleo, 32 Boccadamo, 33 Giorgio.
All. Michele Cazzarò.

AE: Alessio Angelo Boscarino, Siracusa SR.
A1: Vito Angileri, Aprilia LT.
A2: Mirko Lilli, Viterbo VT.

NOTE:
Ammoniti: Roghi (2^), Guarracino (1^); Pellegrino (2^), D’Agostino (1^), Rosanìa (2^).
Calci d’angolo: 6-2.
Recupero: pt 0’, st 4’.

Nella foto la rete decisiva di D’Agostino, all’esordio in rossoblù.