Il nuovo Taranto funziona

Calcio
Typography

Terza vittoria consecutiva e primo scontro diretto vinto per Galdean e compagni. Non è stata una gara perfetta, ma tutto quello che ha trasmesso fa pensare positivo

Il Taranto vince la difficile sfida contro l’Altamura e finalmente porta a casa tre punti al termine di uno scontro diretto. Partendo da quello che è il succo della giornata odierna non si può non sottolineare che se gli uomini di Cazzarò possono vantarsi di aver raccolto nove punti nelle ultime tre partite è evidente, quasi lapalissiano, che in casa rossoblù si è trovata la quadra, almeno dal punto di vista tecnico, che è poi la locomotiva di tutto il sistema-società. Se gira la squadra a livello di risultati, senza incaponirsi a guardare gli undici punti che puntualmente ogni settimana continuano a dividere Miale e compagni dalla cima del girone H, tutto il resto potrebbe venire da sé, come ad esempio la sensibile crescita delle presenze del pomeriggio sugli spalti dello Iacovone che potrebbe dare il là al definitivo ritorno dei più temerari sostenitori del dissenso. La vittoria del Taranto contro l’Altamura non giunge al termine di una partita perfetta, ma è frutto di un’interpretazione consona alla categoria, dove quattordici ventesimi della lista sono diversi rispetto alla perdente gara di andata, dove anche i due allenatori in panchina erano diversi. Passando sotto la lente d’ingrandimento la gara non vengono in mente miriadi di volte con gli attaccanti rossoblù nel bel mezzo dell’area difesa da Gambuzza e Dibenedetto, ma se si riesce a vincere anche con un meraviglioso tiro da fuori del crescente Marsili e con un indovinato quanto fortunato colpo di testa del giovane Lorefice, ben venga e c’è da essere tanto felici quanto non lo si era quando, in altri tempi e con attori decisamente sbagliati, si è perso tempo, soldi e, forse…tutto il campionato.  Menzione d’onore va riservata a quel gol mancato nella ripresa sull’asse Ancora-D’Agostino con tiro al volo del genovese finito di poco sopra la traversa. Se quella palla fosse entrata là dove meritava di finire, probabilmente a quest’ora staremmo a contare gli infarti post-gol. Ininfluente il rigore fischiato a Bilotta con successiva rete a cura di Aliperta, giunto ad un attimo dal termine, agiochi praticamente fatti. Insomma, di questi tempi le nuvole sullo Iacovone si sono trasformate in incredibili soleggiate e poco importa se il termometro continua a segnare -11. Di questo passo, sperare che arrivi il caldo anche in classifica non è proprio così campato in aria. Due parole sull’avversario Altamura. All’andata ci è sembrata più squadra, rispetto alla gara di ritorno dove i murgiani hanno puntato più sugli spunti individuali. E’ proprio qui che il Taranto ha vinto, perché quelli che oggi indossavano la nuova divisa rossoblù a strisce verticali hanno giocato di squadra, supportati anche da un organico che individualmente è di una spanna superiore a quello dell’Altamura. Risultato giusto, inappuntabile e pregno di segnali positivi. Per migliorare c’è sempre tempo in un campionato dove temono solo quelli che sono in vetta e chi sta dietro se la gode, senza avere nulla da perdere.

TARANTO-ALTAMURA 2-1
Reti: pt 17’ Marsili TA; st 5’ Lorefice TA, 48’ Aliperta rig. AL.

TARANTO (4-2-3-1): 1 Pellegrino ’98; 13 Bilotta ’99, 21 Miale, 16 Rosanìa, 97 Li Gotti ’97; 18 Marsili, 89 Galdean; 15 Lorefice ’98, 8 D’Agostino (40’st 92 Capua), 10 Ancora; 95 Favetta (27’st 9 Diakite).
N.e.: 99 Pizzaleo, 2 Corbier, 5 D’Angelo, 6 Giannotta, 11 Gori, 27 Palumbo, 7 Portoghese.
All. Michele Cazzarò.

ALTAMURA (5-3-2): 22 Morelli ’99; 21 Palermo ’97 (23’st 13 Mastropietro ’00), 99 Clemente ’98, 6 Dibenedetto, 5 Gambuzza, 98 Casiello ’98; 92 Presicce (13’st 15 Lopez ’97), 8 Aliperta, 7 Di Senso (38’st Lucchese); 9 Santaniello (33’st 11 Figliolìa), 10 D’Anna.
N.e.: 1 Petruzzelli, 2 Polimuro, 3 Dascoli, 16 Ostuni, 28 Ingredda.
All. Ciro Ginestra.

AE: Davide Di Marco, Ciampino RM.
A1: Alberto Passoni, Monza MB.
A2: Marco Fissore, Nichelino TO.

NOTE: Spettatori 2500 circa.
Ammoniti: Bilotta (4d), Miale (5, squal.), Rosanìa (4d) TA; Clemente (1) AL.
Calci d’angolo: 3-3.
Recupero: pt 1’; st 4’.

SERIE D GIRONE H – RISULTATI 19^ GIORNATA
Cavese-Turris 0-0
Francavilla in Sinni-San Severo 2-3
Fulgor Molfetta-Aversa Normanna 0-1
Gragnano-Potenza 1-3
Gravina-Sarnese 1-0
Manfredonia-Frattese 2-2
Nardò-Cerignola 2-1
Picerno-Pomigliano 1-0
Taranto-Altamura 2-1

CLASSIFICA DOPO LA 19^ GIORNATA
Potenza 46
Cerignola, Cavese 42
Altamura* 38
Taranto 35
Gravina* 33
Picerno, Nardò 30
Sarnese 22
Pomigliano 21
Gragnano 20
San Severo 18
Francavilla Sinni, Turris (-4) 17
Frattese 14
Aversa Normanna 13
Manfredonia (-2) 12
Fulgor Molfetta 9

PROSSIMO TURNO: 20^ giornata – Dom 21 gennaio 2018
Altamura-Manfredonia
Aversa Normanna-Cavese
Cerignola-Gragnano
Francavilla Sinni-Gravina
Frattese-Picerno
Pomigliano-Fulgor Molfetta
Potenza-Turris
San Severo-Nardò
Sarnese-Taranto