17
Lun, Dic

Taranto vincente, il resto non conta

Taranto vincente, il resto non conta

Calcio

Contro una delle squadre meno quotate del campionato gli jonici salgono sull'altalena. Prima vincono, poi si fanno raggiungere. Ci pensa Marsili a regalare i tre punti quasi allo scadere. I mugugni stilistici non servono se si vuole fare il salto di categoria tanto agognato

L'importante è vincere, non partecipare. Questa è la dura legge della Serie D. Poco importa se il Taranto parte a spron battuto, come sempre, e dopo un iniziale e perentorio 2-0 si sfalda, crogiolandosi nella sua supponenza inconscia fino a farsi raggiungere come la più pivella delle squadre. Poco importa se gli uomini di Panarelli, sommersi dalle nubi del nervosismo, si lasciano andare a falletti non ragionati, abbandonando l'idea di ricercare una sana lucidità atta a portare a casa l'unico risultato possibile contro una squadra che, lungi da noi la mancanza di rispetto verso i gialloblù, di certo non era partita ieri dalla capitale internazionale della pasta per risolvere i propri problemi di classifica, nonostante l'eclettico Campana, giusta e simpatica la sua interpretazione del personaggio-allenatore, la butta sugli episodi arbitrali, null'altro avendo a disposizione per farsi di questa sconfitta annunciata una ragione. Sul 2-2, di pancia, è giusto che fischi chi può, ma dopo ricordiamo che da secoli, se si continua alla ricerca di un Taranto bello e vincente, da questo campionato non se ne esce. Non serve un Taranto spocchioso, esuberante e con un 14-0 a partita per tornare tra i professionisti (...e restarci). Sarà sufficiente che ogni domenica un calciatore fuori contesto tra i dilettanti si inventi una rete su calcio d'angolo all'ultimo respiro, complice anche un portiere che già pensava di godersi il cestino sul pullman, con il primo punticino della stagione in tasca e faccia gol direttamente da calcio d'angolo. Tre reti su palla inattiva contro l'ultima in classifica? Metteteci la firma per tutte le partite a venire. Tutto il resto non conta. Tutto il resto è Serie D. E intanto, caro Taranto, quando andrai ad affrontare il Cerignola, pensa anche che a questo gioco partecipano anche, con pari dignità il Picerno, il Bitonto e, soprattutto, l'Altamura. Non è mai la partita della vita. E' tutta la vita che va vissuta come una partita. Vince solo chi vince l'ultima. A Maggio.

 

TARANTO-GRAGNANO 3-2
Reti: pt 2' Lanzolla TA, 9' D'Agostino TA, 22', 33' Poziello GR.; st 46' Marsili TA.

TARANTO (4-2-3-1): 1 Pellegrino '98; 16 Pelliccia '00, 31 Bova (16'st 10 Ancora), 19 Lanzolla, 3 Carullo '99; 4 Manzo (32'st 77 Oggiano), 8 Marsili; 20 Di Senso (48'st 21 Miale), 5 D'Agostino (48'st 17 Massimo), 23 Salatino '99 (32'st 30 Bonavolontà '00); 9 Diakité.
N.e.: 22 Martinese, 7 Gori, 18 D'Alterio, 32 Ferrara.
All. Luigi Panarelli.
GRAGNANO (4-3-3): 1 Sorrentino L.; 2 Ammendola '99 (7'st 17 Di Siervi '99, 40'st 14 Piscopo '00), 4 Lopetrone (27'st 18 Cavaliere), 5 Pastore, 3 La Monica; 8 Martone, 6 Chiavazzo, 11 Gassama '99; 7 Tascone '00 (44'st 13 Montuori '99), 10 Poziello, 9 Talìa '98 (6'st 15 Elefante '98).
N.e.: 12 Sorrentino A., 16 Greco, 19 Achaval, 20 Evacuo.
All. Rosario Campana.

AE: Maurizio Barbiero, Campobasso CB
A1: Giovanni Dell'Orco, Policoro MT
A2: Mattia Roperto, Lamezia Terme CZ

NOTE: Spettatori 2500 circa.
Espulso: Ciro Raimondo GR, DG del Gragnano, al 5'st, per proteste.
Ammoniti: Ammendola, Lopetrone, Gassama GR.
Calci d'angolo: 7-3
Recupero: pt 2', st 6+1'

RISULTATI SERIE D GIR, H - 3^giornata
Bitonto-Cerignola 3-1
Ercolanese-Altamura 1-2
Francavilla Sinni-Fidelis Andria 2-1
Gelbison VdL-Gravina 0-0
Nardò-Sarnese 0-0
Picerno-Fasano 6-5
Pomigliano-Savoia 0-1
Taranto-Gragnano 3-2

LA CLASSIFICA DOPO LA 3^giornata
Altamura, Picerno 9
Taranto, Bitonto 7
Gelbison VdL, Sorrento 5
Cerignola, Fasano, Francavilla Sinni, Gravina, Nola, Savoia 4
Ercolanese 3
Nardò 2
Fidelis Andria, Sarnese 1
Gragnano, Pomigliano 0

PROSSIMO TURNO - 4^giornata
Altamura-Gelbison VdL
Cerignola-Taranto
Fasano-Francavilla Sinni
Fidelis Andria-Ercolanese
Gragnano-Pomigliano
Gravina-Nardò
Nola-Picerno
Sarnese-Bitonto
Savoia-Sorrento