20
Mer, Mar

Torniamo a vincere

Torniamo a vincere

Calcio

La gara contro il Picerno rapperesenta il passato. Il Taranto può ancora arrivare primo in questo campionato: ha i mezzi e il blasone per farlo. Con gli jonici tra i professionisti, gli scenari futuri diventerebbero interessanti

Lasciarsi alle spalle il deludente pari di mercoledì pomeriggio e riprendere a pedalare nella speranza che questa volta da Picerno giungano solo buone notizie. Il programma della truppa Panarelli, a rigor di logica non potrà differire molto da quello sopra indicato, anche per dare un segnale forte ad una piazza che adesso, in maniera assolutamente comprensibile, ci crede meno. Il calendario però, almeno in questo scorcio del campionato pare essere alleato dei rossoblu che domenica oltre ad affrontare l’insidiosa trasferta  di Mugnano (si ritorna al “Vallefuoco” per la seconda volta in otto giorni, ndr) contro il Pomigliano, avranno l’orecchio proteso a ciò che accade in Lucania, dove sul sintetico del “Donato Curcio”, il Cerignola andrà a far visita alla capolista.
L’equazione, semplicissima, dice che in caso di vittoria il Taranto rosicchierebbe punti a chi lo precede, qualunque sia il risultato emerso nel confronto tra i gialloblu foggiani e la sorpresa di mister Giacomarro. Un’occasione ghiottissima quindi, l’ennesima di questa stagione per non perdere il contatto diretto con il treno promozione. Lecito, alla luce del mezzo passo falso di tre giorni addietro attendersi qualche cambiamento da Luigi Panarelli, che starebbe pensando di riproporre dal primo minuto Emiliano Massimo, in luogo di uno tra Manzo e Marsili. In attacco intoccabili D’Agostino e Favetta, si giocano due maglie Di Senso, Oggiano e Salatino. Dietro scontata la conferma di Bova, Di Bari e Ferrara, con Pelliccia ancora favorito per l’out di destra. Tra i pali confermatissimo Vittorio Antonino, che punta al terzo clean sheet di fila dopo quelli “messi a segno” con Ercolanese e Picerno. In casa campana le acque, nonostante il punto conquistato nello scontro salvezza contro il Sorrento, non paiono proprio tranquillissime. Il tecnico Casu, subentrato ad inizio mese al dimissionario Renato Cioffi, non è ancora riuscito a trasmettere la scossa necessaria per cercar il miracolo salvezza, obiettivo comunque alla portata dei granata che in rosa vantano elementi di categoria come gli ex Raffaele Imparato, Marco Picascia e Domenico Girardi.