19
Ven, Lug

Più vicini alla vetta

Più vicini alla vetta

Calcio

Sbrigata la pratica Sarnese nel primo tempo per i rossoblu, con le reti di D'Agostino ed Esposito. Un solo punto per la capolista Picerno nella gara contro il Gragnano. Il primo posto, adesso, dista solo cinque lunghezze

Parte con una vittoria il 2019 del Taranto, che tra le mura amiche regola a domicilio la Sarnese per due a zero. Partita senza storia messa in ghiaccio già nella prima frazione di gara, grazie alle segnature del solito D'Agostino e di Esposito, al primo centro in casacca rossoblu. Panarelli sceglie ancora Antonino e lascia fuori sia Bova che Lanzolla lanciando tra i titolari Menna al fianco di Di Bari. Sulle fasce tocca a Pelliccia e Ferrara, mentre in mediana non c'è Marsili, fermato dalla gastroenterite e quindi largo a Manzo e Bonavolontà. In avanti punto fermo è D'Agostino, al cui fianco si schierano Oggiano, Esposito e Favetta. Solo panca per Massimo e per il nuovo arrivato Roberti.
PRIMO TEMPO L'inerzia della gara è sin dalle prime battute nei piedi della compagnie Jonica che già al decimo si rende pericolosa con una punizione di D'Agostino, respinta dalla barriera e carambolata sui piedi di Favetta che da posizione favorevole non inquadra lo specchio della porta. È il preludio al gol del vantaggio che giunge quattro minuti più tardi quando Esposito innesca Favetta che s'invola sulla sinistra e mette in mezzo per D'Agostino che freddissimo sigla la rete del vantaggio. Lo svantaggio scuote gli ospiti che al 23' si fanno vivi dalle parti di Antonino con un calcio franco di Maione neutralizzato all'estremo difensore di casa. Al 25' sale in cattedra Esposito che dalla distanza chiama in causa Mennella, abile a rifugiarsi in angolo. L' appuntamento con la prima gioia in rossoblu è solo rimandata per l'esterno offensivo ex Cerignola che al 34' raccoglie un perfetto suggerimento di D'Agostino e in diagonale firma il due a zero con cui si chiude la prima frazione.
SECONDO TEMPO La seconda frazione di gara si apre con un errore in disimpegno di Antonino il cui rilancio termine sui piedi di Maione che perde l'attimo e grazia il portiere pescarese. Al 52' la palla buona capita ancora dalle parti di Maione che stavolta di testa non trova porta. La consueta girandola di sostituzioni fa da cornice alla parte centrale della ripresa che si assesta su ritmi molto blandi, lasciando poco allo spettacolo, col Taranto più impegnato ad amministrare che ad aumentare il passivo. L'ultima occasione capita sui piedi di Croce che ad un minuto dal novantesimo raccoglie un servizio al bacio di Di Senso ma dall'interno dell'area non trova il bersaglio grosso. Finisce quindi due a zero per l'undici di Panarelli che complice il pari della capolista Picerno contro il Gragnano accorcia ancora dalla vetta, che adesso dista solo cinque lunghezze.


TARANTO – SARNESE 2-0

RETI: 14' D'Agostino (TA), 35' Esposito (TA)

TARANTO (4-2-3-1): Antonino; Pelliccia, Di Bari, Menna, Ferrara; Manzo, Bonavolontà (75' Salatino); Oggiano (60' Di Senso), D'Agostino (77' Roberti), Esposito (72' Massimo); Favetta (65' Croce). A disposizione: Pellegrino, Carullo, Guadagno, Bova. All. Panarelli
SARNESE (4-4-2): Mennella; Pantano (92' Sannia S.), Tortora, Girardi, Adamo; Rossi (84' Cassata), Langella, Muollo (71' Crispini), Sannia A.; Lepre (80' Sellitti), Maione. A disposizione: Scognamilgio, Siciliano, Mariani, Maiorano, De Simone. All. Cusano

ARBITRO: Sig. Giuseppe Vingo di Pisa
ASSISTENTI: Sig. Marco De Bellis di Frosinone - Sig. Daniele Cordella di Pesaro
AMMONITI: Girardi (SA), Lepre (SA)