23
Mar, Lug

Buona la prima

Buona la prima

Calcio

Superato, non senza fatica, lo scoglio Bitonto. Domenica prossima, sul difficile campo del Cerignola, è gia tempo di finale play off

Servono novantasei minuti di cuore e sacrificio al Taranto per spuntarla su un sontuoso Bitonto, giunto allo Iacovone con il piglio della grande e capace mettere i brividi ai rossoblu di Panarelli, salvati in almeno tre circostanze da un Antonino monumentale. Prestazione dai due volti quella degli jonici che nel primo tempo sfoderano un cinismo fuori dal comune, capitalizzando entrambe le palle gol costruite ma poi spariscono dal campo, regalando l'intera ripresa alla compagine di Pizzulli che nonostante le diverse occasioni non sfonda fino al giro di lancette ottantasei quando tocca a Patierno abbattere il muro eretto in area di rigore. Il tecnico jonico, che deve fare a meno di Marsili, Esposito e Pellegrino mischia le carte rispolverando Pelliccia e piazzando Bonavolontà al fianco di Manzo. In avanti c'è D'Agostino, inusualmente largo sulla sinistra, mentre sull'out opposto agisce Oggiano a supporto del tendem formato da Croce e Favetta.
PRIMO TEMPO Dura giusto il tempo di uno scatto la gara di Oggiano, che al nono è costretto a lasciare il campo a causa di un problema al polpaccio, al suo posto tocca a Di Senso. Cambio azzeccato col senno di poi visto che l'ex Altamura, al 20' mette le ali e si lancia sulla corsia di sinistra, cercando di innescare Favetta ma trovando sulla propria strada un maldestro intervento di Cappellari che nel tentativo di ripartire recapita nuovamente la sfera su piede buono del venti tarantino, il cui tracciante è perfetto per la testa di Croce, che in elevazione sovrasta Anaclerio per l'uno a zero. Le reazione del Bitonto non è fulminea e sta tutta in un gran diagonale di Terrevoli respinto da Antonino. Il Taranto amministra bene la partita e se Manzo surclassa sistematicamente un Biason in perenne affanno è sintomo che sono i padroni di casa a lasciarsi preferire. La superiorità diventa tangibile al 26' quando il solito D'Agostino lancia il guanto di sfida a Patierno, approfittando di uno svarione di Terrevoli e battendo di giustezza l'incolpevole Figliola per il momentaneo due a zero. L'ultimo guizzo prima del thè caldo è di marca bitontina con un insidioso traversone di Terrevoli, sul quale Antonino ci mette una pezza.
SECONDO TEMPO L'avvio di ripresa assume i contorni di un film horror per Di Bari e soci che prima devono ringraziare sant'Antonino, superlativo nel disinnescare di puro istinto la conclusione a botta sicura di Patierno, e subito dopo la mira pessima del centravanti barese che in torsione da posizione favorevolissima, mette alto sulla trasversale. La squadra di Panarelli accusa il colpo, lasciando il pallino del gioco nei piedi degli ospiti continuano incessantemente, nonostante il diluvio biblico, a collezionare occasioni da rete come al minuto sessantanove quando serve ancora un Vittorio Antonino tirato a lucido per sbarrare la strada a Picci che di testa pesca l'angolo lontano, senza fare i conti col portierone ex Pro Piacenza. A furia d'attaccare però il Bitonto trova la via del gol all'ottantacinquesimo con il principe del gol Patierno, lesto a trasformare in rete un perfetto assist di Cappellari. Gli ultimi minuti sono tutti per gli ospiti che nel tentativo di agguantare il pari si riversano nella metà campo tarantina, senza però raggiungere il gol che avrebbe consentito di giungere ai supplementari. Passa il Taranto quindi, e domenica è già tempo di finale al "Monterisi" di Cerignola, dove ad attendere l'undici jonico ci si aspetta un ambiente tutt'altro che amichevole.

 
TARANTO-BITONTO 2-1

RETI: 20' Croce (T), 37' D'Agostino (T), 85' Patierno (B)

TARANTO 4-2-3-1: Antonino; Pelliccia, Lanzolla, Di Bari, Ferrara; Manzo, Bonavolontà (54' Salatino); Oggiano (9' Di Senso, 89' Menna), D'Agostino, Favetta; Croce (54' Massimo). Panchina: Martinese, Carullo, Guadagno, Roberti, Bova. All. Panarelli.
BITONTO 4-3-3: Figoiola: Terrevoli, Montrone (74' Falcone), Anaclerio, Cappellari; Biason, Fiorentino (74' Camporeale), Zaccaria (74' Paradiso); Padulano (46' Picci), Patierno, Turitto. Panchina: Vitucci, Montanaro, De Santis, Dellino, Piarulli. All. Pizzulli.
ARBITRO: Antonino Costanza di Agrigento. Coadiuvato dai sigg.ri Giorgio Ravera di Lodi e Luca Landoni di Milano.
AMMONITI: Di Senso, Bonavolontà, Croce, Di Bari (T); Patierno (B).