Abbiamo avuto Ciullo

Calcio
Typography

Buona la prima: mister Salvatore Ciullo non stecca all’esordio sulla panchina rossoblù, con il suo Taranto che si aggiudica il derby dello “Iacovone” contro la capolista Foggia. Gli ionici si sono imposti sui dauni con un secco 2-0, confermando lo storico tabù che vede i rossoneri vincenti soltanto per 5 volte sulle 33 gare in riva allo jonio: decisive le reti di Simone Magnaghi e di Francesco De Giorgi, realizzate nell’ultima mezz’ora di gioco. Tre punti fondamentali per il Taranto prima della trasferta a Catania

LA PARTITA – Il primo Taranto di mister Ciullo si schiera con il 4-3-3. Davanti a Maurantonio ci sono De Giorgi, Altobello, Magri e Pambianchi; centrocampo a tre con Maiorano, Guadalupi e Lo Sicco a supporto del tridente Viola-Magnaghi-Paolucci. Mister Stroppa, invece, rispolvera Sarno dal primo minuto che prende il posto di Di Piazza; recuperato anche Rubin dall’infortunio che parte titolare. Primo tempo con poche occasioni da rete: sono soltanto due conclusioni degli ionici dal limite dell’area con De Giorgi e Lo Sicco ad essere annotate sul taccuino, con la sfera che termina alta sopra la traversa. Per gli ospiti, il più attivo è Chiricò che rimane, comunque, inconcludente contro la difesa rossoblù. Dopo 45 minuti, le squadre vanno al riposo sul parziale di 0-0.
Nel secondo tempo, il Taranto parte subito con il piede sull’acceleratore: al 53’ Magnaghi fa da sponda per Viola che tenta un’incursione in area rossonera ma, con un rimpallo, riesce a servire un assist per Lo Sicco che solo dinanzi a Guarna calcia clamorosamente fuori. Prova a rispondere subito il Foggia con Chiricò che, in contropiede, punta Altobello, provando a saltare il difensore rossoblù ed a calciare verso la rete: la sfera, però, viene ribattuta in corner. L’esterno rossonero, poi, lascia il posto a Di Piazza al 59’. Un minuto dopo, al 60’, il Taranto passa in vantaggio: batti e ribatti al limite dell’area con protagonisti la difesa rossonera, Viola e Simone Magnaghi; quest’ultimo dribbla un avversario e calcia un diagonale dove Guarna non può fare nulla. Espolde, quindi, la gioia del pubblico dello Iacovone, con l’attaccante che, nell’esultare, si toglie la maglia e si reca sotto la curva nord per gioire insieme ai tifosi. Il gol demoralizza la squadra di mister Stroppa: il Foggia, infatti, prova ad impensierire Maurantonio con delle conclusioni di Mazzeo e Sarno che non impensieriscono l’estremo difensore ionico. I primi due cambi di mister Ciullo vengono effettuato ad un quarto d’ora dalla fine: fuori Viola e Guadalupi per Potenza e Pirrone. Al minuto 83 il Taranto chiude i conti: sugli sviluppi di un corner, De Giorgi è abile a recuperare la sfera e calciarla verso la porta di Guarna che, anche stavolta, non può fare nulla. E’ la rete del 2-0 che manda in visibilio i circa 4000 tifosi accorsi allo stadio. Non servono a nulla gli assalti finali dei foggiani che sono costretti ad andare ko nel derby e, nello stesso momento, a perdere la testa della classifica. Il Taranto torna alla vittoria dopo più di due mesi e uscendo, per il momento, dalle sabbie mobili della zona play-out: tre punti che danno morale alla squadra di Ciullo che, nella prossima giornata, sarà attesa nella difficile sfida dello stadio “Massimino” di Catania.
Tabellino
Campionato di Lega Pro, Girone C – 6^ Giornata di Ritorno (Sabato 11/02/2017)
Taranto – Stadio “Erasmo Iacovone”
TARANTO-FOGGIA 2-0
Reti: st 14' Magnaghi (TA), 38' De Giorgi (TA)
TARANTO (4-3-3): Maurantonio; De Giorgi, Altobello, Magri, Pambianchi; Maiorano, Guadalupi, Lo Sicco; Viola (29' st Potenza), Magnaghi (41' st Cobelli), Paolucci. A disp.: Pizzaleo, Sampietro, De Salve, Russo, Benedetti, Pirrone, Emmausso, Di Nicola, Contini, Cecconello. All.: Salvatore Ciullo.
FOGGIA (4-3-3): Guarna; Loiacono, Martinelli, Coletti, Rubin (1' st Gerbo); Agazzi, Vacca, Deli; Sarno (39' st Pompilio), Mazzeo, Chiricò (13' st Di Piazza). A disp.: Tucci, Figliomeni, Agnelli, Maza, Sicurella, Dinielli, Sanchez, Martino, Pertosa. All.: Giovanni Stroppa.
Arbitro: Francesco Guccini di Albano Laziale (Antonello Mangino di Roma 1 – Antonio Santoro di Roma 1)
Ammoniti: Chiricò (FG); Magnaghi (TA)
Espulsi: /
Corner: 2-8
Recupero: pt 1', st 3'
Note: Gara giocata alle ore 14:30; Spettatori 4127 (Gara vietata ai tifosi residenti nella provincia di Foggia)