20
Mer, Nov

Coppa Italia: sconfitti i rossoblu

Coppa Italia: sconfitti i rossoblu

Calcio

Tre a due a margine di una gara pirotecnica, ben giocata da entrambe le squadre. I rossoblu partono male ma poi diventano assoluti padroni del campo, sino all'espulsione di De Letteriis che sposta definitivamente l'ago della bilancia dalla parte dei padroni di casa

La tanto bistrattata Coppa Italia finalmente diventa un obiettivo e Panarelli lo certifica in sede di lettura delle formazioni. Il tecnico jonico mischia le carte, non forza col turn over spedendo in campo contemporaneamente Galdean, Matute, Genchi, e Croce. Tra i pali ci va Pizzaleo, mentre sulla difensiva spazio De Caro, Marino, Russo e De Letteriis, a chiudere il pacchetto di centrocampo c'è Masi, con Ouattara a fare da spalla ai due prima citati.
PRIMO TEMPO Pronti via, meglio i biancazzurri cui bastano quarantacinque secondi per presentarsi dalle parti di Pizzaelo con Corvino, che da due passi alza troppo la mira. Ancora Fasano, e ancora Corvino al nono ma la botta da distanza ravvicinata trova ancora la pronta opposizione dell'estremo difensore in casacca verde. Il Fasano in avvio si lasca preferire e al 18' è il turno di Gonzales, lesto sugli sviluppi di un corner a saltare più in alto di tutti, mettendo però alto sulla trasversale. Per annotare qualcosa che sia a tinte rossoblu tocca pazientare sino al giro di lancette ventidue: Galdean cattura una palla vagante e innesca Croce, che però defilato strozza il tiro, non impensierendo Suma.
Al trentesimo si vede Genchi, il cui tentativo su calcio franco muore altissimo sulla traversa, mentre sette minuti più tardi è Masi a salire in cattedra quando prima pulisce la corsia di sua competenza, poi riparte in slalom gigante tra tre avversari servendo infine una palla al bacio per Ouattara scaltro da due passi a centrare per l'accorrente Croce, cui spetta solo l'onore di firmare il tap in del vantaggio.
A due minuti dalla fine il Taranto potrebbe anche raddoppiare con un perfetto inserimento di Ouattara che però non angola a sufficienza, sbattendo sul numero uno di casa.
SECONDO TEMPO Il Taranto ritorna sul green del Curlo con lo stesso piglio con il quale aveva concluso la prima frazione, andando ad un passo dal due a zero al 52' quando Ouattara veste di nuovo i panni dell'assistman e lancia Genchi, il cui tentativo finisce ancora una volta tra le braccia di Suma. Passano sette minuti e la gara cambia radicalmente. De Letteriis stende Corvino in area, per il direttore di gara non ci sono dubbi, rosso e calcio di rigore. Della battuta s'incarica lo stesso centravanti ex Nardò, che non sbaglia.
Panarelli richiama Ouattara, gettando nella mischia Benvenga, e nonostante l'inferiorità numerica sono gli ospiti a tenere in mano il pallino, centrando prima il palo con uno sfortunatissimo Genchi e poi trovando il nuova vantaggio grazie ad una conclusione di Matute, perfetto coronamento di una eccellente sgroppata del positivo Masi.
La stanchezza affiora specialmente tra i muscoli di Galdean e soci, e pertanto, con l'uomo in meno sul groppone la gioia del gol dura solo quattro minuti. Il carnefice corrisponde a tale Diaz che perfettamente appostato nel cuore dell'area, riceve una palletta di Corvino, con l'unica possibilità a disposizione che è quella di trafiggere nuovamente l'incolpevole Pizzaleo. Missione riuscita, ed è due a due.
Il Taranto sbanda a due minuti dal termine ancora l'indiavolato Diaz, sfrutta una colossale dormita della retroguardia tarantina, appoggiando in rete un pallone respinto dal portiere ospite e mal gestito dalla retroguardia, siglando il tre a due che manda a casa il Taranto ed agli ottavi di finale la compagine brindisina.
Si conclude così quindi l'esperienza dei rossoblu, che salutano la coppa con la certezza di essere sulla strada giusta per riprendere la caccia al gradino più alto del podio. E domenica, è gia campionato.
 
RETI: 37' Croce (T), 60' rigore Corvino (F), 64' Matute (T), 68' Diaz (F), 88' Diaz (F)
FASANO 433: Suma; De Vitis, Panebianco, Gonzales, Lorusso (55' Diop); Schena (86' Lanzone), Ganci, Prinari (54' Gomes Forbes); Cochis (86' Titarelli), Cavaliere (55' Diaz), Corvino. Panchina: Rizzitano, Scardicchio, Pittelli, Tisci. All. Laterza.
TARANTO 4231: Pizzaleo; De Caro, Russo (90'+1' Favetta), De Letteriis, Marino; Masi (76' Riccio), Galdean (82' Guaita), Genchi, Matute, Ouattara (63' Benvenga); Croce (80' Oggiano). Panchina: Sposito, Pelliccia, D'Agostino, S. Manzo. All. Panarelli.
Arbitro: Domenico Mirabella di Napoli. Assistenti: Domenico Castaldo di Frattamaggiore e Antonio Aletta di Avellino.
Ammoniti: Corvino, De Vitis, Cochis (F); Masi, De Caro, S. Manzo dalla panchina (T).
Espulso: De Letteriis (T) al 59'