Taranto alla ricerca della vittoria perduta

Calci da Pro
Typography

Sul "neutro" di Brindisi a porte chiuse Miale e compagni saranno impegnati contro il Picerno, terzo in classifica e avversario complicato da affrontare. Servirà la prova d'orgoglio che tutto l'ambiente attende da tempo

Il Taranto si appresta ad affrontare la trasferta imprevista a Brindisi per affrontare “in casa” il Picerno. La bella formazione basilisca allenata dall’intelligente Pasquale Arleo vanta un invidiabile terzo posto, frutto di un percorso in campionato all’insegna del divertimento e della serenità. Nella cittadina a poca distanza dal capoluogo Potenza si respira aria pura in un ambiente calcistico senza pretese, dove la Serie D è considerata il massimo campionato al quale aspirare, non per mancanza di superiori ambizioni, ma per oggettivi limiti dovuti al bacino ed alle strutture sportive di cui si dispone. Allora il Picerno arriverà a Brindisi munito della forza dei nervi distesi contro un Taranto che, al contrario, i nervi se li ritrova a fior di pelle. La squadra di Cazzarò, grazie soprattutto al suo nuovo condottiero, ci sta mettendo anima, cuore e competenza per risollevare un gruppo che ha toccato il fondo dopo la sconfitta assurda ma meritata di Volla al cospetto del più quadrato Pomigliano. Questa settimana pare che il tecnico tarantino sia ritornato sui propri passi e prendendo atto della mancanza numerica di difensori spendibili per una difesa a quattro, abbia valutato l’idea di formare una difesa a tre molto esperta, con Miale, Scoppetta e D’Aiello, con il rientro dei primi esterni provati in ritiro, ovvero Milizia e Cacciola. Il primo risollevato dopo un periodo di appannamento mentale per problemi di ambientamento ed il secondo dopo aver superato un problema ad un ginocchio. Oltre tutto, con il passaggio della fascia di capitano da Pera a Miale sembra quasi naturale il collocamento del grottagliese tra gli undici titolari. A centrocampo dovrebbero giostrare da destra a sinistra i rientranti nominati prima con Corso e Crucitti centrali ed in avanti potrebbe disegnarsi un trio con Tandara, Aleksic ed Ancora. Ogni partita è buona per segnare una svolta nelle prestazioni di una squadra alla ricerca immediata di una vittoria ma soprattutto della successiva continuità di risultati.
Sul fronte societario continuano sottotraccia contati non troppo convinti alla ricerca di una soluzione che segni la discontinuità con l’attuale gestione, non gradita da più parti, ma nel giorni di sabato e domenica, consacrati al “dio rettangolo di gioco”, tutto l’interesse intorno al calcio rossoblù deve convergere sul “Franco Fanuzzi” di Brindisi da dove si attendono solo good news.
L’arbitro chiamato a dirigere l’incontro è Davide Di Marco di Ciampino RM, supportato dagli assistenti Nicola Scapini di Ancona AN e Pierpaolo Citterio di Verona VR.

TARANTO-PICERNO – LE PROBABILI FORMAZIONI:
TARANTO (3-4-3): Spataro ’99; Miale, Scoppetta, D’Aiello; Milizia ’97, Corso, Crucitti, Cacciola ’98; Tandara ’98, Aleksic, Ancora. All. Michele Cazzarò.
PICERNO (3-4-3): Ioime; Giordano, Carrieri, Conte; Imbriola ’98, Agresta, Matinata ’97, Sgovio ’99; Esposito, Boye ’98; Cruz. All. Pasquale Arleo.

IL PROGRAMMA DELLA 7^GIORNATA:
Altamura-Aversa Normanna
Cavese-San Severo
Fulgor Molfetta-Gravina di Puglia
Gragnano-Francavilla in Sinni
Manfredonia-Pomigliano
Nardò-Frattese
Potenza-Cerignola
Taranto-Picerno
Turris-Sarnese

LA CLASSIFICA DOPO LA 6^GIORNATA
Potenza 18
Cerignola 16
Picerno 14
Gravina di Puglia 12
Pomigliano, Sarnese 11
Cavese, Altamura 10
Francavilla in Sinni, Taranto 6
Frattese, Nardò, Fulgor Molfetta 5
Aversa Normanna 4
Turris (-6) 3
Gragnano 2
San Severo, Manfredonia 1

(nella foto di Giorgia Cannella Claudio Miale, nuovo capitano del Taranto)