15
Lun, Ott

Esonerato Luigi Volume

Esonerato Luigi Volume

Calci da Pro

Come da prassi, dopo le rassicurazioni sulla sua conferma il direttore sportivo del Taranto è stato sollevato dall'incarico. Ascesa e declino di un dirigente esuberante. Nel bene e nel male. E intanto si va a Nardò senza tifosi, complice anche la concomitanza con le elezioni che limitano le presenze della forza pubblica

Luigi Volume non è più il responsabile dell’area tecnica del Taranto. Il classico comunicato di benservito è stato inviato alle redazioni alle 16:51 di oggi, condito delle solite frasi di circostanza: impegno riconosciuto, dedizione dimostrata, lavoro appassionato ed instancabile ed auguri finali per un felice futuro professionale. Si, certo, ma lontano dal Taranto.
In realtà Luigi Volume non lo si incontrava durante le partite dei rossoblù da tre settimane. Le sue assenze “sospette” si erano notate nelle gare contro Pomigliano, Picerno e Francavilla in Sinni. Alla curiosità della piazza ed ai rumors dell’ambiente avevano risposto con ampie rassicurazioni sulla solidità del rapporto sia il direttore marketing Vincenzo Montella tramite Studio 100 TV che il presidente Massimo Giove sulla videata di salentosport.net. Ma si sa, non esistono amori meno eterni di quelli che nascono nel Calcio.
A Luigi Volume, obiettivamente, va riconosciuto il merito di aver sbrogliato, anche se, giustamente, con il supporto economico di Giove, quella matassa ingarbugliatissima che era stata la rosa del Taranto di inizio stagione ed averla resa più logica e presentabile, anche se ancora non totalmente priva di situazioni tecnico-strutturali da risolvere in chiave progettuale per il futuro. Insomma se oggi c’è una base di lavoro sulla quale creare la rosa della prossima stagione il merito va accreditato certamente all’esuberante direttore sportivo di fresca nomina istituzionale. Ma proprio la sua esuberanza, qualche volta strabordante, come in alcune situazioni nel quale è venuto a trovarsi, qualche volta vittima, qualche volta carnefice, in alcune gare, tipo quella contro il Cerignola, contro la Sarnese e contro il San Severo, dove rimase vittima di un serio infortunio, lo ha probabilmente fatto trovare sulla graticola che lo ha portato inesorabilmente al sollevamento dell’incarico. Quella graticola dal fuoco sempre alimentato da una frangia della Curva Nord che, andando anche oltre ogni forma di rispetto e civiltà nei confronti di parenti defunti, ha di certo convinto chi ha deciso in queste ore, per l’allontanamento coatto di Luigi Volume.
Per la sostituzione nel ruolo i sondaggi erano già iniziati e già alcuni nomi sono circolati. Se ne dovrà sapere di più molto presto, anche perché, come si sa, le squadre future “si preparano ad aprile”. Intanto tra qualche ora si giocherà il derby contro il coriaceo Nardò. Partita complicatissima da tripla conclamata. Come al solito le autorità competenti hanno rovinato la festa, vietando la trasferta ai tifosi del Taranto. In attesa di una chimera chiamata “porte aperte sempre” e cura dei delinquenti al bisogno, perché questa forma di prevenzione esasperata e poco democraticamente esercitata, etichetta tutti come facinorosi e non lascia distinguere i buoni dai cattivi. Ci mancavano anche le contestuali elezioni per ridurre al minimo la flebile possibilità di avere la trasferta “open”, dato che le forze dell’ordine avranno di che impegnarsi per tenere a bada tutti gli “ultras della politica”. Anche quella è una specie da non sottovalutare… Occhio agli incantatori dalle facili promesse e…buon voto a tutti.