20
Sab, Lug

Picerno -Taranto: aggrediti tre rossoblu

Picerno -Taranto: aggrediti tre rossoblu

Calci da Pro

La gara si conclude con un pari a reti bianche. Ai lucani serviva un solo punto per festeggiare la promozione in serie C, ed è arrivato a margine di una gara che sarà ricordata più per il parapiglia scatenato da un addetto alla sicurezza locale, reo d'aver colpito con un tirapugni Manzo, Favetta e Croce, che per la qualità del gioco espresso

Panarelli deve fare a meno di D'Agostino ed Esposito, ma ritrova Antonino che prende nuovamente il proprio posto dopo la settimana sabbatica. Dietro spazio a Ferrara, Lanzolla, Di Bari e Pelliccia con Manzo e Marsili a centrocampo. Davanti tocca a Salatino ed Oggiano con le due punte che sono Croce e Favetta.
PRIMO TEMPO Parte bene la squadra di Panarelli che mostra subito di non voler recitare il ruolo di semplice invitato alla festa promozione lucana. I ritmi, così come i toni si dimostrano alti sin da subito, tanto che a farne le spese al 5' è il buon Nicola Lanzolla che si becca il primo giallo della contesa per un rude intervento su Santaniello. Al 14' Favetta cicca su un'ottima intuizione di Oggiano mentre due minuti più tardi sono i padroni di casa a rendersi pericolosi con il solito Kosovan, lesto a sgattaiolare sulla linea di difesa, ma sfortunato al momento del tiro con la sfera che termina sul palo ad Antonino battuto
Il Taranto preme sull'acceleratore ed al minuto trentatre Oggiano viene affondato in area di rigore da Fontana, per il direttore di gara non vi sono irregolarità e l'unica interruzione decretata serve ad allontanare l'allenatore in seconda del Taranto, Gianluca Triuzzi colpevole d'aver protestato in maniera troppo veemente. L'ultimo sussulto della prima frazione capita sui piedi di Favetta che al 40' riceve in posizione favorevolissima ma spara incredibilmente alto.
SECONDO TEMPO La seconda frazione riparte con oltre venti minuti di ritardo a causa di un parapiglia scoppiato al rientro delle squadre nei locali adibiti a spogliatoi. Alcuni calciatori jonici sarebbero stati aggrediti da un inserviente della società lucana, l'unico a farne le spese, nonostante l'intervento di Carabinieri e Magistratura, è però paradossalmente Antonio Croce, espulso.
Si riprende quindi col Taranto in dieci uomini, che dopo appena cinque minuti sfiora nuovamente il colpo del vantaggio con un magistrale calcio di punizione di Oggiano, deviato in angolo da Coletta.  La risposta dei padroni si casa giunge al 54' con Santaniello che scambia con Vanacore, ma dal limite dell'area piccola alza troppo la mira e spreca tutto.
La gara, inequivocabilmente condizionata da fattori extracalcistici nella ripresa non decolla, ciononostante sono i pugliesi a metterci qualcosina in più, coprendo l'inferiorità numerica con una voglia straripante. L'ultimo quarto d'ora non regala grosse emozioni, eccezion fatta per una botta da fuori di Massimo che Coletta blocca senza patemi, e per due disattenzioni di Di Bari e Lanzolla che comunque non compromettono il risultato finale.
Termina quindi uno a uno, col Picerno che conquista meritatamente la terza serie, in attesa però di capire se le scene da Far West ammirate nell'intervallo porteranno a strascichi, che non cambieranno la classifica ma paiono alla luce delle immagini a disposizione di chi dovrà esprimersi, fin troppo chiare.
PICERNO-TARANTO 0-0
 
PICERNO 352: Coletta; Caiazza (dall'84' Fiumara), Fontana, Impagliazzo (dal 79' Ligorio); D'Alessandro, Langone (dal 69' Sambou), Pitarresi, Kosovan (dall'88' Corso), Vanacore; Emmanuele Esposito (dall'85' Tedesco), Santaniello. Panchina: Fusco, Cesarano, Conte, Camara. All. Giacomarro.
 
TARANTO 442: Antonino; Pelliccia, Lanzolla, Di Bari, Ferrara; Oggiano, Marsili, Manzo (dal 45' Massimo), Salatino; Favetta (dal 45' Roberti), Croce (Esp. 45'). Panchina: Martinese, Carullo, Guadagno, Di Senso, Bonavolontà, Bova, D'Agostino. All. Panarelli.
 
ARBITRO: Michele Delrio di Reggio Emilia. ASSISTENTI: Ivano Agostino di Sesto San Giovanni e Stefano Galimberti di Seregno.
 
AMMONITI: Lanzolla (T), Croce (T), Vanacore (P), Esposito (P), Kosovan (P), Pelliccia (T)
 
ESPULSI: Croce (T)
 
Prossimo turno (dom. 28/04/2019 ore 15 – giornata n. 33 – 16a rit.): A. Cerignola-Az Picerno, Taranto-Pomigliano, Gragnano-Francavilla, Nola-Gelbison, Savoia-Granata, F. Andria-Gravina, Fasano-Nardò, Bitonto-Sorrento, Sarnese-Team Altamura.
 
CLASSIFICA
 
Picerno 78
Cerignola 69
Taranto 68
Bitonto 56
Savoia 53
F.Andria 53
Gravina 48
Fasano 46
T.Altamura 44
Francavilla 43
Sorrento 40
Gelbison 37
Nola 33
Nardò 33
Sarnese 30
Gragnano 29
Pomigliano 19
Granata 13