Il Taranto passa a Giove

Sport
Typography

La nuova vita del Taranto sui due fronti. In società insediati il nuovo presidente ed il suo CdA. In campo va a buon fine l'accordo con il centrale Capua che, se in forma, potrebbe esordire a Canosa al posto di Corso squalificato

Il Taranto ha ufficializzato l’arrivo del centrocampista Giuseppe Capua in maglia rossoblù. Il calciatore, rimasto svincolato dopo l’ultima esperienza con la divisa del Messina, a detta degli esperti, può occupare tutti i ruoli del centrocampo, e, se pronto fisicamente, potrebbe tornare utile all’allenatore Michele Cazzarò sin dalla prossima gara di Canosa di Puglia, ponendosi come alternativa allo squalificato Davide Corso. Giuseppe Capua (nella foto con la maglia dell’Avellino nella stagione 2011-2012) è nato a Priverno LT l’11 novembre 1992 ed ha giocato sempre in serie c, nel Pergocrema, Avellino, Salernitana, Aversa Normanna, Pro Patria e Messina. Per la prima volta da quando era passato dalle giovanili della Lazio al professionismo, affronterà il campionato di serie D.

Sul fronte societario si è svolto l’annunciato consiglio d’amministrazione con l’ufficializzazione di Massimo Giove alla carica di presidente del maggior sodalizio calcistico tarantino. All’annullamento delle cariche sociali in essere ha fatto seguito la nomina del nuovo CdA, che oltre al nuovo presidente, vede la conferma dei consiglieri Pasquale Di Napoli, Gianluca Sostegno e Martino Cecere e la new entry del sig. Vincenzo Sapìa in qualità di vice presidente. Usciti di scena oltre ai precedenti responsabili del sodalizio, Zelatore e Bongiovanni, i consiglieri in quota agli stessi Caracuta e Pagano.

E’ logico pensare che a fronte dell’uscita di scena dei suddetti quattro sia passata durante il CdA la richiesta iscritta all’ordine del giorno in riferimento alla “rinunzia all’azione di responsabilità, all’esonero da responsabilità ed all’acquiescenza dell’operato degli amministratori della Società dott.ssa Elisabetta Zelatore, avv. Antonio Bongiovanni, Felice Pagano e Riccardo Caracuta, nonché a favore dell’assunzione di un espresso pactum de non petendo nei confronti degli amministratori della Società Zelatore, Bongiovanni, Caracuta, Pagano”. Resta ora in sospeso fino al 31 dicembre l’ottemperanza alla quale deve provvedere il presidente Giove circa la sostituzione delle fidejussioni in essere, che dovranno essere sottoscritte dai soggetti della nuova gestione. L’auspicio di tutti è che anche questo passaggio sia effettuato nei termini previsti, altrimenti dal prossimo anno solare gli ex presidenti tornerebbero ad esercitare il proprio diritto di voto commisurato con le proprie percentuali di azioni, all’interno della vita gestionale del Taranto FC 1927.