24
Mer, Apr

Prossima fermata, Nola

Prossima fermata, Nola

Sport

Passa dalla Campania il viaggio del Taranto capolista che dopo aver archiviato e catalogato alla voce “dolci ricordi” il successo strappato con le unghie e con i denti  in quel di Bitonto, si appresta a vivere la prima domenica del 2019 con il fiocco al petto di migliore della classe

Gara dalle mille insidie quella che aspetta la truppa rossoblu che andrà a far visita ad una compagine, quella bianconera che nonostante qualche nome altisonante, sta attraversando un momento delicato.  Panarelli già nell’immediato post Bitonto aveva messo in guardia i suoi da facili entusiasmi, chiosando,  a termine della conferenza con il classico “Non abbiamo ancora fatto niente”. Tutto vero mister, ma c’è un primato da difendere.
La formazione bianconera di mister De Sarno, nonostante il grosso gap dai piani nobili della graduatoria è squadra ostica. Ventiquattro i punti messi insieme sino a questo punto della stagione, di cui sei nelle ultime cinque uscite. Due sconfitte casalinghe consecutive completano il quadro di una squadra che al momento non attraversa una bel periodo, risiedendo ormai stabilmente in piena zona play out.
Il roster campano però non deficita certo in quanto a qualità annoverando tra gli altri, tra le proprie fila l’esperto estremo difensore Gragnagnello, così come l’ex Benevento Emanuele D’Anna e l’istrionico Gennaro Troianiello, tutti arruolabili per la sfida interna contro gli jonici.
Capitolo formazione. Con tre partite in sette giorni, il tecnico jonico si trova costretto a valutare soluzioni alternative. Non un problema per chi come lui ci ha abituato a continue rivoluzioni tattiche. La base però dovrebbe continuare ad essere il classico 4-2-3-1 con Antonino a difesa dei pali, Pelliccia, Di Bari, Bova (o il diffidato Lanzolla) e Ferrara. A centrocampo consueto ballottaggio tra Massimo e Marsili, con Manzo in vantaggio per l’altra maglia da titolare, anche se non è completamente da escludere l’inserimento dal primo minuto di Bonavolontà. Davanti potrebbe essere concesso un turno di riposo a Di Senso e pertanto ci dovrebbe essere spazio per Salatino e Oggiano con D’Agostino suggeritore e Roberti unica punta.
Due le note di cronaca, la prima riguarda la tifoseria di casa, che stando agli ultimi dati dovrebbe affollare i gradoni del proprio impianto, complice anche la “Giornata Bianconera” indetta dalla dirigenza di casa. La seconda invece tocca i supporters tarantini, costretti ancora una volta a seguire i proprio colori solo dallo schermo televisivo a causa delle solite, e rivedibili restrizioni.
Arbitra il sig. Mattia Caldera di Como coadiuvato dai sigg.ri Simone Venuti di Valdarno e Amedeo Carpano di Siena. Calcio d’inizio alle ore 14.30.