23
Sab, Mar

Aria di derby

Aria di derby

Sport

Sfida importante quella che attende i rossoblu al “Degli Ulivi” domenica prossima. Imperativo: riagganciare la vetta dopo il sorpasso del Picierno, uscito vittorioso dalla gara di mercoledì contro Nola

Tutto secondo copione. L’obbligato passo indietro ci riporta al pomeriggio di mercoledì, e quindi alla vittoria del Picerno sul Nola. Due a uno, come da pronostico. Lucani troppo più forti dei bianconeri di Liquidato, che al Curcio nonostante un classifica quantomeno preoccupante ha ben pensato di scendere in campo con ben sette (!) under, lasciando in panca Troianiello, Esposito ed addirittura in tribuna Vaccaro. Questa la cronaca, al lettore le considerazioni.
Il presente però si chiama Andria e alla fine della fiera, dopo una settimana ben oltre i limiti del ridicolo, si è giunti ad una conclusione. Si gioca al “Degli Ulivi”, almeno per ora, a porte aperte.
Nessun colpo di spugna, la squalifica dell’impianto andriese, così come riportato sul dispositivo del Giudice Sportivo è confermata, anzi inasprita ma avrà validità “per la seconda giornata di gara successiva alla data di pubblicazione del comunicato ufficiale". In soldoni, col Taranto nessun problema, tutti allo stadio, la prossima in casa tocca guardarla in tv. Poco male se non fosse che a questo punto la beffa per il Taranto diventa doppia, perché calendario alla mano, a beneficiare dell’assenza di pubblico e del campo neutro sarà proprio il Cerignola di Bitetto, antagonista degli jonici nella lotta promozione, che affronterà i federiciani il 3 marzo prossimo. Esaurite per fortuna, le tematiche relative all’extracampo tocca fare i conti con l’aria di derby che si respira. La sfida tra Andria e Taranto , caricata in maniera esasperata promette di essere rilevante quantomeno sotto il profilo agonistico, con gli ospiti costretti a fare propria l’intera posta i palio per non correre il rischio di accumulare ritardo su un Picerno che continua a viaggiare velocissimo.
Panarelli ha provato ad isolare i suoi ovattando l’ambiente circostante ma è conscio dell’importanza che assume la sfida del “Degli Ulivi”.
Tra i pali nessuna sorpresa con Antonino certo di una maglia da titolare. I dubbi, tanti, sorgono per ciò che concerne il reparto arretrato con Di Bari e Lanzolla in forte dubbio. Nel caso in cui almeno uno dei due dovesse riuscire a recuperare, non ci sarebbero problemi, con Panarelli che opterebbe certamente per una difesa a quattro. Nell’ipotesi di un doppio forfait non è da escludere invece l’impiego di una linea a 3 composta da Menna, Bova e Ferrara. Il discorso centrocampo, a causa delle norme relative all’impiego degli Under ruota strettamente attorno alle pedine arruolabili per la difesa. Manzo dovrebbe essere della gara, con Bonavolontà e Marsili a giocarsi l’altra maglia. Davanti spazio a Salatino con Esposito, D’Agostino e Croce, fresco ex della partita che potrebbe partire titolare, dopo aver abbattuto il Savoia al 92’.
Trasferta ovviamente vietata ai supporters rossoblu, come da indicazioni della Prefettura di Barletta-Andria-Trani, che ha disposto per l'incontro il divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella Provincia di Taranto.
Dirigerà la gara il sig. Luca Zucchetti di Foligno coadiuvato dai sigg.ri Domenico Castro di Livorno e Markiyan Voytyuk di Ancona. Fischio d’inizio alle ore 14.30.