23
Ven, Ago

Taranto attende “The Ocean Race”

Taranto - Capitale di mare attende “The Ocean Race”

Sport

Un accordo tra il Comune e l’Istituto per il Credito Sportivo volto ad un primo affidamento di 12 milioni di euro in vista della prestigiosa manifestazione velica

Taranto Capitale del mare. Il Comune di Taranto ha chiuso lo scorso 26 giugno la due diligence con l’Istituto per il Credito Sportivo (ICS) volta ad un primo affidamento complessivo di 12 milioni di euro, nell’ambito di un intervento totale di 20,8 milioni necessario all’organizzazione della prestigiosa manifestazione velica denominata “The Ocean Race” (OR).

Ora si attende il corso dell’istruttoria tecnico-legale del board internazionale, che potrebbe annunciare entro l’estate la scelta delle città selezionate in giro per il globo, tra le numerose e importanti al momento in competizione per ospitare gli eventi collegati alla 14^ e 15^ edizione di OR a partire dal 2020-21.

“Siamo molto soddisfatti del lavoro portato a termine - ha commentato il Sindaco Rinaldo Melucci alla ricezione della deliberazione dell’ICS - siamo ormai perfettamente in grado di misurarci con sfide internazionali assai complesse, e direi epocali per le sorti stesse del nostro modello di sviluppo e per l’immagine nuova che vogliamo dare della città”.

Si è trattato di “un percorso lungo sei mesi, molto impegnativo e di alto valore professionale ed amministrativo - ha aggiunto il primo cittadino - per il quale desidero ringraziare a nome di tutti i miei concittadini il personale del Comune di Taranto, in particolare modo il direttore generale Ciro Imperio, il segretario generale Eugenio De Carlo e il dirigente Carmine Pisano, nonché i nostri consulenti della Select Advisor di Tomassini Marketing di Matteo Tomassini. Ora incrociamo le dita – conclude Melucci - e proviamo a spingere tutti insieme la nostra meravigliosa capitale di mare verso questo ulteriore storico traguardo, che ha la potenzialità di trasformare una parte significativa della nostra economia e della nostra cultura”.