13
Mer, Nov

A Taranto assegnati i Giochi del Mediterraneo 2026

A Taranto assegnati i Giochi del Mediterraneo 2026

Sport

Melucci:"Oramai la nostra non è più solo la città della grande industria" "Borraccino: "Un evento importantissimo che non significa soltanto sport ma anche la possibilità di riportare Taranto nell'immaginario collettivo dell'Europa"

E’ ufficiale oramai. Assegnati alla città di Taranto i prossimi Giochi del Mediterraneo 2026. L'assegnazione è avvenuta quest’oggi in Grecia, nel corso dell'assemblea annuale del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo (Cijm) che ha stabilito anche di posticipare l'edizione pugliese al 2026. In rappresentanza del Coni erano presenti in Grecia la vice presidente Alessandra Sensini, il membro onorario del Cio Mario Pescante, il membro del Consiglio Nazionale del Coni e coordinatore del dossier della candidatura, Elio Sannicandro, i presidenti federali Michele Barbone (Danza Sportiva) e Angelo Cito (Taekwondo). L'Italia per tre volte ha ospitato la manifestazione, l’ultima ne 2009 a Pescara, che vedrà coinvolti 26 paesi dell’area mediterranea.

Entusiasta il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci: “Taranto è nella storia. Taranto è ormai una realtà di punta nazionale e non più o non soltanto per l’industria. – ha commentato - Taranto si sta comportando da vera capitale di mare. Ora andiamo avanti a testa alta e lavoriamo tutti insieme per continuare a cambiare in meglio il volto di questa città, che il mondo realmente ci invidia, per farci trovare pronti all’appuntamento del 2026. Siamo stati ripagati di due anni di lavoro intensissimo, ma sapevamo che Taranto ha ancora tanta energia e tanta bellezza da esprimere. Desideriamo ringraziare tutti quelli che hanno contribuito a questo traguardo incredibile. – ha aggiunto Melucci - È un giorno di grandi emozioni, lo dedichiamo a tutti i tarantini e in particolare a quanti in questi anni, per vari motivi, hanno sofferto e avevano quasi perduto la speranza in un futuro diverso. Quello che avverrà in riva allo Ionio va ben oltre lo sport, ne siamo convinti. – conclude -  Godiamoci questo momento tutti insieme, senza alcun distinguo”.

“É un evento importantissimo che non significa soltanto sport ma anche la possibilità di riportare Taranto nell'immaginario collettivo dell'Europa come una realtà positiva, dopo essere stato il tacco avvelenato d'Italia -  ha commentato l’assessore allo Sviluppo economico Mino Borraccino presente a Patrasso in Grecia, in questi giorni, assieme al governatore di Puglia, Michele Emiliano, al sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e al presidente della Provincia, Giovanni Gugliotti - Abbiamo la possibilità di diversificare, aprire una nuova narrazione per la nostra città e per la nostra provincia”.