24
Gio, Ott

Mal di Iacovone

Mal di Iacovone

Sport

Seconda sconfitta casalinga per i ragazzi di mister Ragno contro Sorrento. Il terreno di gioco allo Iacovone è un campo di patate

Rimedia la seconda sconfitta su tre gare casalinghe il Taranto, che si ritrova nuovamente a dover inseguire in campionato che non perdona determinati stop.
E’ uno a zero per i campani di mister Maiuri che venuto a Taranto per portare via un pareggio, la modestia tecnica della squadra rossonera era palese, si ritrova invece a tornare a casa col bottino pieno, grazie a di un gol di Bonanno al 19 s.t., contestato dalla panchina ionica perché viziato da un fallo di mano sulla azione che lo ha propiziato.
Il Taranto scende sul “poco green” dello Iacovone, oggi il terreno di gioco dell’impianto comunale era a livelli quasi di impraticabilità, con il solito 3-5-2 con un centrocampo imbottito di mediani, Matute e Manzo non sono certo calciatori predisposti all’impostazione del gioco, e senza D’Agostino dall’inizio e con il tandem Favetta-Genchi che praticamente propizia solo un palo del capitano dopo 3 minuti, che è lesto a sfruttare un infortunio difensivo sorrentino, e un paio di calci di punizione mal sfruttati.
Nella ripresa Ragno prova a mischiare le carte per dare vitalità ad una squadra abulica e con poche idee che arriva anche spesso in ritardo sulle seconde palle e che soffre la “garra agonistica” campana. Esce Matute al 10’ della ripresa ed entra D’agostino , schierato a sinistra dell’attacco, ma dopo nove minuti il Taranto subisce gol e i piani del mister vengono totalmente sconvolti. Non serviranno gli ingressi di Masi, Croce, Benvenga ed Oggiano a scardinare l’ordinata e attenta difesa rossonera che praticamente nel corso della ripresa subisce solo un colpo di testa e un altro palo di Favetta, un po’ poco per un squadra che dovrebbe fare “manbassa” di queste squadre specie tra le mura amiche.
Un Taranto brutto, sfortunato e in difficoltà sul campo di patate dello Iacovone, una squadra non in grado imporre il proprio gioco, specialmente in casa, che dovrà cambiare registro quanto prima per sperare di poter vincere un campionato vero difficile, ma per il quale è dotato di materiale umano e sportivo tale che gli consentono di potersi imporre e primeggiare, contro tutti e ovunque.
Speriamo che il tecnico Ragno, oggi opinabili alcune sue scelte tecnico-tattiche, sia bravo soprattutto a gestire uno spogliatoio importante e una piazza che già rumoreggia e che non ha affatto gradito le 2 sconfitte interne, e i soli 9 punti conquistati su 15 a disposizione in un campionato speravano, il Taranto, avesse finalmente “ammazzato”. Pertanto ora testa al prossimo turno che vede i rossoblu impegnati nella difficile trasferta allo Zaccheria di Foggia dove forse vedremo e capiremo finalmente quali sono le reali potenzialità ed ambizioni di questa rosa.
TABELLINO
TARANTO-SORRENTO 0-1

TARANTO: Sposito; De Caro, Ferrara, Manzo L., Manzo S. Allegrini, Guaita (dal 37' s.t. Croce), Matute (dal 9' s.t. D'Agostino), Genchi, Favetta, Cuccurullo (dal 20' s.t., Masi). Panchina: Pizzaleo, Benvenga, De Letteriis, Riccio, Oggiano, Galdean, Croce. Allenatore: Ragno

SORRENTO: Scarano; Peluzzi, Masullo, La Monica (dal 31' s.t., Vodopivec), Cacace, Fusco, Vitale, De Rosa, Pedrabissi (dal 13' Cassata), Bonanno (dal 22' s.t. Herrera), Gargiulo. Panchina: Semertizidis, D'Alterio, Cesarano, Esposito, Vodopivec, Cinque, Bozzaotre. Allenatore: Maiuri
Arbitri: Alessandro Cutrufo; Benedetto Torraca, Matteo Della Monica.
Marcatori: Bonanno (19 s.t.', S)
Ammoniti: Cassata (22', S), Genchi (32' s.t., T)
Corner: 6 – 3

 

 

classifica taranto micro.jpg