Tari, il Comune di Taranto per il contenimento della tariffa

Tari, il Comune di Taranto per il contenimento della tariffa

Domani in consiglio comunale si discuterà la variazione al bilancio di previsione che prevede l'incremento di 3 milioni per la spesa relativa all'igiene urbana

La proposta di variazione al bilancio di previsione, in discussione nella seduta di Consiglio Comunale del 28 novembre 2020, che prevede tra l'altro l'incremento di circa 3 milioni di euro per la spesa relativa al servizio di igiene urbana, è conseguenza dei maggiori oneri rivenienti principalmente dallo smaltimento di rifiuti differenziati presso diversi impianti, i cui flussi sono regolati e disposti dall'Ager, anche fuori provincia.

Tali flussi determinano tariffe e costi di conferimento più elevati (anche oltre 200€/ton) rispetto a quelli dei rifiuti indifferenziati conferiti in discarica (110€/ton). Considerato che i costi connessi alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti trovano copertura finanziaria nelle entrate previste dalla TARI, l'incremento di spesa deve necessariamente corrispondere ad analogo incremento in bilancio delle previsioni di entrata. Tuttavia, la definizione delle tariffe per il corrente esercizio avverrà a seguito dell'approvazione del PEF (Piano Economico Finanziario) prevista entro il prossimo 31 dicembre.

L'amministrazione Melucci è costantemente impegnata nel monitoraggio della spesa, soprattutto per tenere fede all'indirizzo espresso dal Consiglio Comunale rispetto al contenimento della Tari nelle tariffe attuali.