Trivelle nello Ionio, Melucci: “No a sfruttamento delle risorse”

 Trivelle nello Ionio, Melucci: “No a sfruttamento delle risorse”

Il sindaco di Taranto interviene sulla questione: “L’unico orizzonte che vogliamo scrutare è quello limpido del nostro mare”

 

“La possibilità che nei nostri mari possano riprendere le attività di ricerca di idrocarburi, a causa della mancata redazione da parte del Governo del piano delle aree idonee e della mancata conferma della moratoria sulle nuove autorizzazioni nel recente decreto "Milleproroghe", è un fatto che non può lasciarci indifferenti in riva allo Ionio”. Inizia così il commento del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci che interviene sulla possibile ripresa delle attività di trivellazione in mare decisa dal Governo. “L'unico orizzonte che vogliamo scrutare qui, infatti, è quello limpido e sconfinato del nostro mare, dove stiamo progettando l'Oasi Blu per i nostri cetacei. – precisa il primo cittadino - Puntiamo alla sostenibilità, non allo sfruttamento delle risorse e di un territorio che ha già dato alla ragion di Stato più di quanto gli spettasse. Abbiamo già l'urgenza di definire l'accordo di programma che governerà la transizione dell'ex Ilva, - conclude - non possiamo quindi preoccuparci di altro: né di nuove trivelle nei nostri mari, né di scorie radioattive nella nostra terra”.