Covid, Gimbe: ''A Pasqua usare la mascherina ed evitare assembramenti''

Covid, Gimbe: ''A Pasqua usare la mascherina ed evitare assembramenti''

Il presidente Nino Cartabellotta sottolinea che, nonostante la lenta discesa dei casi settimanali, la circolazione del virus resta ancora molto elevata

 

"Alla vigilia delle festività pasquali se da un lato tutti gli indicatori certificano una fase di plateau, la circolazione del virus rimane ancora molto elevata, con 1,2 milioni di positivi, oltre 60mila casi al giorno e un tasso di positività dei tamponi antigenici al 15,5%. Resta, pertanto, indispensabile mantenere comportamenti prudenti, evitando assembramenti e soprattutto utilizzando le mascherine al chiuso". Così Nino Cartabellotta, presidente di Fondazione Gimbe, commenta i dati emersi dall'ultimo report settimanale, che evidenzia una lenta discesa dei contagi da Covid-19 e una stabilità nei ricoveri; nel periodo 6-12 aprile, infatti, i nuovi casi sono diminuiti del 6,5% rispetto alla settimana precedente. In Puglia, in particolare, è stato registrato un calo del 19% dei contagi.

"La campagna vaccinale si è ormai arrestata", afferma Cartabellotta; intanto, la Puglia si conferma al primo posto in Italia per copertura vaccinale, con l'87% della popolazione che ha completato l'iter vaccinale; la regione è in cima alla classifica nazionale anche per la fascia 5-11 anni: il 48,7% ha, infatti, ricevuto entrambe le dosi di vaccino anti Covid-19 previste per la fascia pediatrica. Meno bene la somministrazione delle quarte dosi per i pazienti più fragili: solo l'8% della platea regionale le ha ricevute.

Più in generale, Cartabellotta definisce la somministrazione della quarta dose ai più fragili un vero e proprio flop, "evidenziato da esigue coperture e rilevanti differenze regionali''.