Scuola, la denuncia dei sindacati: “Aule troppo affollate”

Scuola, la denuncia dei sindacati: “Aule troppo affollate”

Le organizzazioni sindacali hanno convocato una conferenza stampa davanti alla sede dell’Ufficio Scolastico Regionale: “Massimo 20 alunni per classe, altrimenti la scuola non riparte. Necessario incrementare organico per dare stabilità alla scuola”

 

“Dopo un anno e mezzo di emergenza sanitaria, i tanti errori di valutazione, di programmazione e di gestione non hanno insegnato nulla alla politica, visto che il Ministero non ha dato seguito agli impegni pur assunti con le organizzazioni sindacali e che, da soli, già rappresenterebbero una importante misura di contrasto al rischio pandemico nelle scuole: ci riferiamo, in particolare, alla riduzione degli alunni per classe e al conseguente e necessario incremento di personale docente e ATA. Alla fine gli effetti della riforma Tremonti-Gelmini, che da 12 anni detta i parametri per la formazione delle classi di ogni ordine e grado, nonché i vecchi criteri per il calcolo della dotazione organica ATA, si sono rivelati più forti anche della pandemia. Infatti, dalle informazioni ricevute dai territori, ci risulta che si stiano autorizzando numerose classi con punte di 30 alunni e cattedre in organico di diritto a 24 ore. A questo si aggiunga che per il prossimo anno scolastico non vi è alcuna conferma dell’organico aggiuntivo, il cosiddetto COVID, che, comunque, non può rappresentare la risposta alle nostre richieste di incremento dell’organico di diritto, pur essendo necessario in questa fase di pandemia, per garantire condizioni di maggior sicurezza. Al contrario, sono stati tagliati 100 posti di collaboratori scolastici a causa della trasformazione full time dei contratti dei lavoratori ex LSU”.

Questo è quanto si legge in una nota a firma dei sindacati Flc Cgil, Cisl scuola, Uil Scuola Rua, SNALS Confsal e Gilda Unams.

“Lo stesso cosiddetto organico Covid – proseguono - che nella nostra regione ha visto 8.000 unità in più di personale docente e ATA, non lascia spazio a interpretazioni diverse rispetto a una politica distratta la quale non si è resa conto che la pandemia ha prodotto cambiamenti irreversibili e che, se si vuole far ripartire veramente la didattica in presenza, si devono operare investimenti strutturali e non di emergenza, a cominciare dalle risorse del PNRR. Con queste premesse, per il prossimo anno scolastico sarà estremamente complicato puntare ad un rientro in presenza al 100% in quanto, al netto della mancanza di un piano dei trasporti adeguato e dedicato, di un piano immediato di ammodernamento degli edifici scolastici e di risorse per sostenere una programmazione di screening periodici della popolazione scolastica, il numero di studenti per classe non permetterà affatto di garantire il distanziamento sociale. Le scuole pugliesi, già provate da un anno e mezzo di lavoro massacrante, fatto di continue riorganizzazioni e riprogrammazioni, in un estenuante balletto tra didattica in presenza, didattica a distanza e didattica mista, sotto i colpi di dozzine di decreti ministeriali, di periodiche ordinanze regionali e l’inutile incombenza delle prove INVALSI, non possono affrontare il nuovo anno scolastico ancora una volta all’insegna dell’incertezza e della continua ricerca di soluzioni dell’ultimo minuto”.

“Per questi motivi abbiamo già chiesto un incontro urgente all’USR e annunciamo per venerdì 7 maggio, alle ore 10.00, una  conferenza stampa all’aperto, davanti alla sede dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia (Via Castromediano 123), sia per dire basta alle vuote dichiarazioni di buona volontà del ministero, cui non seguono ancora atti concreti e condivisibili, sia per rivendicare l’incremento degli organici del personale docente e ATA con conseguente riduzione degli alunni per classe che non devono superare le 20 unità” concludono le organizzazioni sindacali.