Taranto, i NAS chiudono un locale

Taranto, i NAS chiudono un locale

L’esercizio di somministrazione di alimenti e bevande non aveva i requisiti minimi di igiene. La nota dell'Asl ionica

Il Direttore del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) dell'ASL Taranto, a seguito di verifica eseguita da personale del N.A.S. - Comando Carabinieri per la Tutela della Salute di Taranto e da quello del Dipartimento di Prevenzione - SIAN dell'ASL Taranto, ha emesso un'ordinanza contingibile e urgente con carattere restrittivo dell'attività, con cessazione immediata di un pubblico esercizio di somministrazione alimenti e bevande della città di Taranto.

Il provvedimento, a tutela della salute pubblica, si è reso necessario in quanto, dalla verifica eseguita, sono state riscontate gravi criticità connesse alla mancanza dei requisiti minimi di igiene previsti dalla normativa vigente.

In particolare, si è rilevato che il pubblico esercizio, pur essendo situato in zona servita da rete idrica pubblica, al momento era privo di allaccio alla stessa e per i fabbisogni interni veniva utilizzata acqua per la quale titolarità non è stata in grado di giustificarne la provenienza e di conformità ai sensi della legge n. 31 del 2001.