Melucci: “Grati alla Marina Militare per quanto sta facendo per Taranto”

Melucci: “Grati alla Marina Militare per quanto sta facendo per Taranto”

Dal primo cittadino il commento: “Marinasud attore protagonista di questa storica transizione”

 

Importante confronto formale giovedì a Palazzo di Città di Taranto tra il sindaco Rinaldo Melucci e l'Ammiraglio di Divisione Salvatore Vitiello, nella sua veste di Comandante del Compartimento Marittimo Sud.

All’indomani della conferenza di servizi tenuta al Ministero della Difesa già nei mesi scorsi, si è ripreso nel nuovo anno, il dialogo tra la città e la Marina Militare. Al centro la futura gestione di alcune aree del capoluogo ionico, ritenute fondamentali per lo sviluppo alternativo del territorio.

La Marina Militare potrebbe concedere in co-uso i bastioni del canale navigabile e proprio sulla riqualificazione di alcune sezioni del canale lo stesso Comune ha confermato il proprio impegno.

Un piano che si aggiunge a ciò che è stato già realizzato grazie alla Marina Militare in seno al CIS Taranto, tra l’approvazione di una importante opera di manutenzione del Ponte Girevole e del Castello Aragonese, che si attendeva da almeno quarant'anni.

Altri progetti in cantiere attengono la Green Belt e i XX Giochi del Mediterraneo, rispettivamente per i giardini dell'ospedale militare e gli impianti sportivi di via Cugini. Ulteriori interventi abbracceranno l’entry point, il museo dell'arsenale militare e il perimetro del comprensorio alloggi, rispetto al quale si vuole alleggerire alcune sezioni murarie, per rendere più facilmente accessibili alla comunità gli spazi riqualificati.

Una cessione definitiva, invece, atterrebbe una parte della vasta area di via Acton, che accoglierebbe l'hub delle società partecipate del Comune e la piastra di ricovero delle future BRT, a ciò andrebbe ad aggiungersi una parte dell'area di Torre d'Ayala, destinata a contenitore attrattivo in vista dei Giochi del 2026, una parte dell'isola di San Paolo, sulla quale è in corso la redazione di un progetto naturalistico-ricettivo, di alcuni altri appezzamenti tra Lama, San Vito e Taranto 2 non più funzionali alle attività militari. Un lavoro che contribuirà a cambiare il volto urbanistico della città.

Soddisfazione del primo cittadino che ha voluto ringraziare tutti gli uomini della Difesa per voler sospingere Taranto sulla strada della sostenibilità e della diversificazione produttiva.

Particolare gratitudine infine, per il servizio di contrasto al Covid-19 che il personale logistico, sanitario e militare stanno prestando, con grandi qualità umane e professionali, nell’ospedale militare e nei drive through allestiti a Taranto 2 e a Massafra.