Puglia, Fondi Europei: primi passi per il FESR-FSE+ 2021-2027

Puglia, Fondi Europei: primi passi per il FESR-FSE+ 2021-2027

Emiliano: ''Una scelta politica importante, che per la Puglia assume un significato particolare''; stanziati dall'UE oltre 5 miliardi e mezzo di euro

 

Approvato dalla Giunta regionale pugliese la proposta di Programma Regionale FESR-FSE+ 2021-2027, che verrà trasmessa alla Commissione Europea per avviare la negoziazione formale con cui si indirizzeranno alla Regione fondi per oltre 5 miliardi e mezzo di euro.

I fondi europei saranno così suddivisi: 4,4 miliardi, facenti parte del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) saranno destinati agli interventi di politica industriale, ai trasporti, alla transizione ecologica e digitale, mentre 1,1 miliardi del Fondo Sociale Europeo Plus sosterranno la formazione, l’occupazione e la coesione economica e sociale.

Sono 5 gli obiettivi da perseguire tramite questi fondi, che mirano ad aver un'Europa più verde, più connessa, più sociale, più intelligente e più vicina ai cittadini; questi obiettivi sono stati recepiti e articolati in 10 Assi prioritari all'interno del Programma redatto dalla Regione Puglia: i più importanti riguardano la competitività ed innovazione del sistema produttivo pugliese, l'economia verde e il welfare e salute. Altri interventi rilevanti riguarderanno l'istruzione, formazione e lavoro, il settore dei trasporti e la rigenerazione urbana e dei contesti turistico-culturali.

"Una scelta politica che per la Puglia assume un significato particolare - ha commentato il presidente della Regione, Michele Emiliano - si tratta della prima programmazione dei fondi strutturali europei orientata in base a un metodo di ascolto e cooperazione ampia dei sindaci, dei cittadini e dei diversi soggetti del partenariato istituzionale ed economico-sociale che animano le comunità pugliesi".