Trasporto disabili, dai sindacati: “Condizioni inaccettabili per i lavoratori”

Trasporto disabili, dai sindacati: “Condizioni inaccettabili per i lavoratori”

Dai Segretari la denuncia: “Scarso impegno nella sanificazione dei mezzi e mancato pagamento degli stipendi”

 

La questione del trasporto disabili nel tarantino al centro della denuncia delle organizzazioni sindacali. All’idomani della chiusura del centro diuri Mesto-Finotto in virtù de4i contagi di Covid, i segretari di FP CGIL Cosimo Sardelli, CISL FP Aldo Gemma, UIL FPL Emiliano Messina, FILT CGIL, Francesco Zotti e di FIT CISL Vito Squicciarini, puntano il dito contro la gestione dell’azienda Tundo S.p.A. in virtù dello “scarso impegno nell’igienizzazione e sanificazione dei mezzi utilizzati, tenuti puliti dal buon senso dei dipendenti che operano in quel servizio”.

“Riscontriamo da alcuni giorni, non solo che i mezzi continuano a circolare senza aver ricevuto il giusto trattamento al fine di garantire ai passeggeri la salubrità del veicolo, ma addirittura i dipendenti impegnati al trasporto dei disabili di quella struttura, vengono utilizzati nell’espletamento di servizi verso altre strutture. - sottolineano i Segretari i quali chiedono “un immediato e urgente intervento al fine di garantire la salute e la sicurezza dell’utenza trasportata e dei dipendenti ormai stanchi di subire costantemente vessazioni”.

“Facciamo presente che i dipendenti della Tundo S.p.A. non ricevono gli stipendi da oltre 3 mesi – concludono le organizzazioni - e sono stanchi di lavorare in condizioni inaccettabili”.