Capitale italiana della Cultura 2022, Emiliano: “Firmato protocollo d’intesa”

Capitale italiana della Cultura 2022, Emiliano: “Firmato protocollo d’intesa”

Il governatore commenta: "L'assegnazione del titolo sarebbe una eccezionale opportunità strategica"

 

“Oggi abbiamo scritto una bellissima pagina per la Puglia. Una pagina che parla di gioco di squadra, di bellezza, di amicizia, di grandi obiettivi, di bene comune. La corsa per diventare Capitale italiana della Cultura 2022 parte con lo spirito giusto, con la Città di Bari e la Città di Taranto che procedono fianco a fianco e con la Puglia intera che tifa per loro e le sostiene”. Il governatore di Puglia, Michele Emiliano interviene sulla candidatura di Taranto e Bari a Capitale della Cultura 2022. “E’ stato firmato il Protocollo d’intesa tra la Regione Puglia e i candidati a Capitale italiana della Cultura 2022, Comune di Bari e Comune di Taranto con la Grecìa Salentina, dall’Assessore Massimo Bray e dai Sindaci Antonio Decaro e Rinaldo Melucci. – precisa Emiliano - L’obiettivo primario è la promozione del nostro territorio come destinazione turistica che fa leva sul patrimonio culturale, materiale e immateriale. Le candidature pervenute da tutta l’Italia al MiBACT per la manifestazione d’interesse scaduta il 7 luglio 2020 sono ventotto. La Puglia, con sei progetti presentati, è la Regione che risulta aver aderito in maniera più importante. L’assegnazione del titolo di Capitale italiana della cultura a uno dei territori pugliesi – conclude - sarebbe una eccezionale opportunità strategica”.