Ex Ilva, Battista-Corvace: “I tarantini soli in questa battaglia”

Ex Ilva, Battista-Corvace: “I tarantini soli in questa battaglia”

Il gruppo di opposizione “Una città per cambiare” punta il dito contro le politiche del governo in merito alla questione del siderurgico

 

“Ancora una volta lo Stato sceglie il diritto al lavoro piuttosto che quello alla salute, ancora una volta il Movimento 5 Stelle tradisce il voto di noi tarantini che avevamo creduto in un cambio di rotta sulla vicenda Ilva. Nessuna transizione ecologica all'orizzonte, solo fumo, malattie e morte per cittadini e lavoratori”. Cosi Massimo Battista e Rita Corvace del gruppo di “Una citta per cambiare” commentano le parole del ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani che ha sottolineato di recente: "Transizione vuol dire garantire un compromesso tra ambiente e sostenibilità sociale. Io domani non mi sveglio e cambio le tecnologie di un'impresa. Non si può pensare di cambiare l'Ilva dall'oggi a domani". “Ancora una volta la produzione ad ogni costo prevale su tutto, costi quel che costi. – concludono - Il tempo è scaduto, quella fabbrica va chiusa e chi potrebbe farlo ma sceglie di continuare ad avvelenare un intero territorio è responsabile dei malati e dei morti in città”.