Sport, Perrini: “La Giunta sostenga i collaboratori con contributi a fondo perduto”

Sport, Perrini: “La Giunta sostenga i collaboratori con contributi a fondo perduto”

L’intervento del consigliere regionale di Fratelli d’Italia: “La Regione intervenga adeguatamente”

 

“Mentre quasi tutta l'Italia diventa arancione, la Puglia (insieme alla Campania, Sardegna e Valle d'Aosta) continua a restare in zona rossa. Sul perché siamo in questa situazione abbiamo, ormai, sprecato fiumi di inchiostro e come Fratelli d'Italia abbiamo chiesto da mesi il commissariamento della Regione Puglia per quanto concerne la gestione Covid. E' chiaro che, invece, sul piano economico non ci sfugge che le chiusure imposte a livello governativo e regionale a partire dal mese di marzo dello scorso anno, finalizzate al contenimento del contagio, hanno colpito gravemente molte categorie di lavoratori, che hanno dovuto cessare o sospendere la propria attività o ridurla rispetto all'anno precedente. Fra queste ci sono sicuramente i lavoratori dello Sport, collaboratori impiegati con contratti co.co.co o altre tipologie presso le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva, le società e associazioni sportive dilettantistiche”. Questo è quanto dichiara il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Renato Perrini.

“In questo momento di estrema difficoltà sanitaria, sociale ed economica, in cui è in corso una pandemia che continua a provocare vittime, la Regione ha il dovere di intervenire adeguatamente per fornire il sostegno necessario al tessuto economico e produttivo del territorio, al fine di evitare l'ulteriore impoverimento della popolazione e il default totale del sistema economico regionale. Per questo ho presentato un'interrogazione al presidente Michele Emiliano e all'assessore al Lavoro, Sebastiano Leo, per sapere se la Giunta Regionale intende: valutare la possibilità di prevedere forme di sostegno a fondo perduto in favore dei collaboratori sportivi e prevedere procedure agili e rapide sia di richiesta che di assegnazione e distribuzione dei contributi alle categorie suindicate” ha concluso Perrini.