Sir John Rutter, il quadro sonoro per Taranto e la sua Cattedrale

Sir John Rutter, il quadro sonoro per Taranto e la sua Cattedrale

MAP Festival. Intervista a sir John Rutter e al Maestro Piero Romano nel Cappellone del Duomo di San Cataldo

 

“Look at the world” è il titolo del concerto che il grande Sir John Rutter ha diretto magistralmente nella Concattedrale Gran Madre di Dio con l’Orchestra della Magna Grecia e il L.A. Chorus, ben duecento elementi fra professori e coristi. Nell’occasione ha presentato l’esclusivo “quadro sonoro” a lui commissionato dall’Istituzione Concertistica Orchestrale Magna Grecia e ispirato dalla spiritualità e dall’arte della Cattedrale di San Cataldo. Grandi emozioni, grande pubblico, grande standing ovation finale nell’architettura sacra progettata da Gio Ponti ancora una volta tanto valorizzata da un evento speciale, unico ed internazionale.
Per capire il significato e la composizione del “quadro sonoro”, prima del concerto serale, nel cappellone di San Cataldo abbiamo incontrato Sir John Rutter considerato oggi “il più grande compositore e direttore di musica corale vivente”: “Taranto è una città magnifica, questo posto trasuda di grande spiritualità, non ho avuto difficoltà nel tradurlo in un quadro sonoro commissionatomi dall’ICO Magna Grecia".
Si tratta di uno straordinario “quadro sonoro” composto da Rutter esclusivamente per il Duomo di San Cataldo. Fedeli, visitatori, turisti, a partire dalle prossime settimane con un normale I-phone, scaricando un “codice” specifico potranno ascoltare la composizione dell’arrangiatore del “Salmo 150”, commissionato per il Giubileo d'oro della Regina d’Inghilterra.
"Il poema orchestrale che ho composto – riprende Rutter – è declinato in tre sezioni continue: “Il viaggio di S. Cataldo, santo irlandese, i mosaici della sua cattedrale”; “La Cripta”; “Luce del sole, splendore e celebrazione”. Quest’opera è la mia risposta a questa nuova ed intrigante commissione, che spero possa essere ascoltata con piacere anche nel contesto più tradizionale di un concerto: prima di iniziare a lavorare, mi sono immerso nelle immagini della Cattedrale e nella sua straordinaria storia. lavorare insieme con la favolosa Orchestra della Magna Grecia e con il L.A. Chorus è un’esperienza straordinaria; la composizione realizzata esclusivamente per l’ICO, sarà eseguita in due sole occasioni con orchestra e coro, a Taranto e Matera, poi la gente potrà ascoltarla solo nel Duomo".
E’ stato un grande onore ospitare a Taranto per la seconda volta il Maestro John Rutter – ha sottolineato il Maestro Piero Romano, promotore del MAP Festival insieme con l’ICO – Per l’Orchestra della Magna Grecia rappresenta una soddisfazione ancora maggiore se pensiamo che lo stesso direttore ha accettato di realizzare un esclusivo “quadro sonoro” per la Cattedrale di Taranto. Da questo momento in poi, infatti, il nostro Duomo potrà vantare la presenza di una composizione del più grande compositore di musica sacra e corale: la sua musica, coniugata alla città di Taranto, accompagnerà i visitatori nella fruizione di questo straordinario gioiello di architettura religiosa; un valore aggiunto che il MAP Festival, insieme con l’Orchestra della Magna Grecia ha voluto donare alla città".

Il maestro Piero Romano ha voluto annunciare poi come il prossimo 21 giugno l’Orchestra della Magna Grecia sarà ospite nel Chiostro di Palazzo Valdina a Roma, presso la Camera dei Deputati. Spetterà all’ICO accompagnare anche parlamentari-musicisti, onorevoli e senatori, in occasione della “Festa della Musica”, esperienza se non unica, sicuramente straordinaria in quanto faranno “ensemble” politici di maggioranza e di opposizione.
La “Festa della Musica” è un evento che ogni anno celebra la Musica in numerose città italiane. Questa ventottesima edizione sarà dedicata alla memoria di David Sassoli, giornalista e politico italiano scomparso lo scorso gennaio. In programma brani originali e, fra le altre, musiche di Mozart, Vivaldi e Rossini.