Il maestro e Margherita

Il maestro e Margherita

Presiedere l'istituenda azienda ospedaliera San Cataldo, ricoprire il ruolo di direttore generale della Provincia con Gugliotti, il passaggio da Seconda a Terza Repubblica diviene una realtà anche in riva allo jonio. E' tutto un rifiorire di serre politiche. Con la campagna elettorale alle porte, prepariamoci ai giocolieri. Ai prestigiatori delle pubbliche virtù. A tutto e al suo contrario

 

C'è profumo di margherita sopra il cielo di Taranto. Di botanica con coloriture partitiche. Di ceto politico ascrivibile alla Seconda Repubblica trasformatosi, nel frattempo, in qualcos'altro. In manager pubblici, per esempio. Ben remunerati e recuperati, indicati in ruoli-chiave, nelle posizioni di comando delle più importanti aziende ed amministrazioni locali. Abbandonata la floricoltura, la coltivazione nelle serre, ci sono altri terreni da calcare per lorsignori. Presiedere l'istituenda azienda ospedaliera 'San Cataldo', come nel caso dell'onorevole Pelillo: uno che di margherite se ne intende. Nonostante manchi ancora all'appello, per la sua nomina effettiva, la legge istitutiva per questo tipo di aziende pubbliche, rifiorite sui prati pugliesi per volere del Governatore Emiliano. Sedersi affianco al presidente Gugliotti, sullo scranno più alto dell'ente provinciale, nella veste di direttore generale, come farà a partire dai prossimi giorni Marcello Vernola, ex presidente della Provincia di Bari ed europarlamentare berlusconiano: un altro che alle margherite, e al cattolicesimo popolare, racconta di aver dedicato parte della propria vita. Il cielo sopra Berlino (pardon, sopra Taranto) è un firmamento di margherite, ormai: ex margherite, post-margherite, trans-margherite. Conservate in vasi resistenti al travaso da Seconda a Terza Repubblica. Con la campagna elettorale alle porte, prepariamoci ai giocolieri. Ai prestigiatori delle pubbliche virtù. A tutto e al suo contrario. Con una convinzione: da via Anfiteatro a Palazzo di Città, passando per il Ponte Girevole, sarà tutto un rifiorire di margherite. Le serre della politica si fregano le mani...